Genova a misura di bici nella fase 2, la richiesta della Fiab al Comune

Fra le altre richieste, gli Amici della bicicletta propongono «riconoscimento, promozione e finanziamento della mobilità attiva (pedonale, ciclabile e micromobilità elettrica) come modo di trasporto urbano resiliente»

Il circolo della Federazione italiana amici della bicicletta di Genova ha inviato una lettera a sindaco, assessori e consiglieri comunali in merito alla ripresa delle attività produttive e alla mobilità sostenibile.

In sintesi la lettera parte dal presupposto che si stanno aprendo le riflessioni sulla ripresa delle attività produttive e della circolazione delle persone. «Rimarrà - si legge - per molto tempo essenziale mantenere il distanziamento sociale. È verosimile ipotizzare che, di fronte alle nuove modalità di approccio ai mezzi pubblici, le persone (o molte di esse) che prima li usavano, preferiranno usare i propri veicoli, con conseguente notevole aumento dell'inquinamento addirittura rispetto ai valori precedenti. Gli amministratori pubblici devono porsi il problema e dare delle risposte alla cittadinanza, che tramite le associazioni chiedono a gran voce».

La Fiab insiste su due punti in particolare. Ritiene necessarie:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
  1. politiche di riduzione delle emissioni di tipo strutturale per modificare e innovare i consumi;
  2. politiche per favorire alternative di mobilità al mezzo privato motorizzato per chi non si vuole affollare sui mezzi pubblici.

La Fiab si ripropone di formulare nel più breve tempo possibile delle proposte, da sottoporre all'amministrazione, per realizzare infrastrutture a basso costo per la mobilità sostenibile; poi chiede il mantenimento delle Ztl, di promuovere lo smart working e «riconoscimento, promozione e finanziamento della mobilità attiva (pedonale, ciclabile e micromobilità elettrica) come modo di trasporto urbano resiliente».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ex Rinascente, da ottobre arriva Axpo: inaugurazione con un omaggio a Genova

  • Genoa, cinque nuovi acquisti per Maran

  • Elezioni regionali Liguria 2020, Toti oltre il 50%. Sansa: «Avventura finita»

  • Violenza sessuale in ospedale, ausiliario approfitta di una paziente in anestesia

  • Elezioni regionali, la mappa del voto a Genova

  • Coronavirus, caso positivo al Liceti di Rapallo, classe in quarantena

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento