Coronavirus

Bagni di bar e negozi senza acquistare, il Comune studia il modello europeo

Approvata in consiglio comunale una mozione che impegna la giunta a regolamentare l'utilizzo pubblico dei servizi igienici appartenenti agli esercizi commerciali, prendendo come esempio alcuni modelli attuati in città europee come Londra o Berlino

Il Consiglio Comunale di Genova ha approvato all'unanimità una mozione proposta dal consigliere Francesco De Benedictis per regolamentare l'utilizzo pubblico dei servizi igienici appartenenti agli esercizi commerciali, prendendo come esempio alcuni modelli attuati in città europee come Londra o Berlino.

«Trovare servizi igienici e accessibili è una necessità di tutti, in particolare dei molti turisti che visitano la nostra città e dei cittadini genovesi, e oggi è ancora più complicato dalle regole per prevenire contagi da coronavirus - si legge nel testo della mozione - motivo per cui si potrebbe prendere spunto da quanto avviato in Germania o a Londra».

La mozione approvata impegna la giunta e il sindaco Marco Bucci ad attivarsi per individuare quale soluzione si possa adattare meglio allo spazio urbano della città di Genova al fine di consentire a tutti la possibilità di usufruire di spazi privati in ambito pubblico in quanto cittadini e non esclusivamente in veste di consumatori, a maggior ragione in questo particolare momento.

L'esempio tedesco è il sistema denominato “NetteToilette”: un compromesso tra i servizi igienici pubblici e privati. Le città della Germania pagano agli esercizi privati un canone mensile (da 30 a 100 euro) per tenere aperti i loro servizi igienici al pubblico. Gli esercizi che aderiscono all’iniziativa mettono un adesivo in vetrina per far sapere al pubblico che possono usare le toilette senza fare acquisti. Analogo al programma tedesco il Community Toilet Scheme di Londra, che offre bonus in denaro a strutture che aprono al pubblico i propri servizi igienici, indicando questa possibilità con un apposito cartello da esporre all’esterno. È stata anche sviluppata una app per consentire alle persone di individuare sia i servizi igienici gestiti pubblicamente sia quelli privati aperti al pubblico.


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bagni di bar e negozi senza acquistare, il Comune studia il modello europeo

GenovaToday è in caricamento