Covid, a Chiavari mezzi pubblici “su misura” per gli studenti: accordo Atp-dirigenti scolastici

A Chiavari adottato un modello che consente di calibrare le corriere sulla base degli orari di ingresso e di uscita degli studenti

Una cabina di regia cui partecipano sindaci, aziende di trasporto pubblico e istituti scolastici per calibrare i trasporti sulla base delle esigenze degli studenti ed evitare il più possibile assembramenti.

Il modello è già stato testato a Chiavari, dove il sindaco Marco Di Capua, in accordo con Atp e dirigenti, ha incentivato il confronto per far sì che i mezzi pubblici potessero rispondere a un piano che tiene conto degli orari di ingresso e di uscita degli studenti. Una sperimentazione che ha avuto successo, e che la Città Metropolitana sta pensando di allargare a tutto il suo territorio. 

«È una modalità che permette di confrontare le diverse esigenze, per questo quando Atp mi ha sottoposto la questione ho immediatamente aderito all'iniziativa, rilanciandola a livello di tutto il territorio di Città Metropolitana - ha detto Claudio Garbarino, consigliere delegato alla Città Metropolitana di Genova - una delle problematiche che sono emerse in questa prima fase di ritorno del trasporto scolastico è la mancanza di collegamenti tra i diversi attori interessati. Con la cabina di regia si mettono attorno allo stesso tavolo chi fa trasporto pubblico, in questo caso Atp, i dirigenti dei diversi plessi scolastici e rappresentanti delle amministrazioni locali».

«Ci confrontiamo con le scuole che ci avvertono di eventuali modifiche degli orari - ha aggiunto Andrea Geminiani, coordinatore generale di Atp, riferendosi a quanto accaduto a Chiavari - Ovviamente è fondamentale avere una programmazione settimanale o ancor meglio mensile degli orari scolastici». 

Atp è intanto già intervenuta una quarantina di volte con corse doppie per gestire mezzi che avevano raggiunto ormai l’80% della capienza prevista per legge:«Nessuno resta a terra - ha confermato Roberto Rolandelli,

direttore d'esercizio - Fondamentale in quest'ottica è centrale operativa, inaugurata a Chiavari lo scorso 20 luglio in corso Assarotti 1R nel centro di Chiavari. Qui il personale riceve costantemente le comunicazioni degli autisti e in caso di bus troppo pieni fanno partire il secondo mezzo sostitutivo». 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Genova usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al San Martino, trovato morto paziente allontanatosi dal reparto

  • Ruba smartphone a mamma con neonato sul bus, poi la prende a pugni

  • Coronavirus, da domenica la Liguria torna in zona gialla

  • Liguria verso zona gialla, ma gli spostamenti fuori regione restano in forse

  • Perdono entrambi i genitori nel giro di un anno: mobilitazione per aiutare due fratelli di Quezzi

  • Antiche tradizioni: cos'è il "ragno genovese"?

Torna su
GenovaToday è in caricamento