menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bloccata in casa da sola, i poliziotti della questura le portano soldi e spesa: la "favola" di Pasqua di Giovanna

La donna, un'ex insegnante in pensione, aveva conosciuto gli agenti qualche mese fa donando alcune foto del marito defunto. E nel momento del bisogno ha chiesto aiuto proprio a loro

Un'amicizia nata per caso e coltivata nel tempo, che si è rivelata fondamentale in questi difficili giorni di epidemia di coronavirus: è quella tra gli agenti della Questura di Genova e Giovanna, 80 anni, che ai poliziotti di via Diaz si era rivolta qualche mese fa per donare alcune foto del marito defunto, e che venerdì scorso si è trovata in difficoltà e proprio nei poliziotti ha trovato degli amici.

Gli agenti della Questura di Genova avevano conosciuto Giovanna, ex insegnante in pensione, la scorsa estate. Riordinando gli effetti personali del marito, mancato da poco e appassionato di forze dell'ordine, aveva trovato fotografie e filmati scattati nel corso del tempo e aveva deciso di regalarli ai protagonisti delle immagini. Era così iniziato un rapporto fatto di telefonate e incontri, interrotti quando Giovanna, per una brutta caduta, era stata ricoverata in ospedale per una frattura del femore. 

Gli agenti della Questura non l'avevano però abbandonata, ed erano andati a trovarla restandole vicini sino al suo ritorno a casa. L'emergenza coronavirus ha reso la situazione ancora più complicata, e venerdì in via Diaz è arrivata una telefonata molto diversa dalle solite: «Sono bloccata a casa e non posso né ritirare i soldi né fare la spesa», ha detto Giovanna a quelli che ormai considera amici. Che non hanno perso tempo: due poliziotte della Questura l'hanno raggiunta nel suo appartamento in centro, hanno preso in consegna il bancomat e hanno ritirato il denaro, poi si sono fatte compilare una lista della spesa e hanno fatto un salto al supermercato per rifornirla di tutto il necessario.

Consegnati soldi e spesa, le due poliziotte hanno augurato a Giovanna buona Pasqua con la promessa di restare a disposizione in caso di bisogno: «L'invito è rivolto a tutte le persone in difficoltà - confermano dalla Questura - chiamateci, ci siamo».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, Toti: «Dati positivi, oggi saremmo in zona gialla»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento