Coronavirus, la diffusione in Liguria rallenta. L’epidemiologo: «Fondamentale il distanziamento»

Il tasso di riproduzione del covid-19, inizialmente vicino a quello di Lombardia e Cina, diminuisce. Ma è grazie principalmente all’isolamento e alla riduzione dei contatti

Che il nuovo coronavirus fosse pericoloso soprattutto per la sua contagiosità è ormai cosa nota e ribadita. Sin dall’inizio dell’epidemia, esperti infettivologi ed epidemiologi avevano osservato la facilità con cui il covid-19 si trasmette, calcolando il cosiddetto “R con 0”, il tasso di riproduzione. Che in Liguria, durante il picco, è arrivato molto vicino a quello registrato in Lombardia o in Cina, nella regione dell’Hubei: R con 3/4, il che significa che ogni nuovo contagiato contagiava a sua volta, in media, dalle 3 alle 4 persone.

A oggi il tasso di riproduzione del coronavirus in Liguria si è abbassato: i dati testimoniano, ormai da 10-15 giorni, una graduale ma continua diminuzione della “contagiosità”, che pur non apparendo evidente dai numeri diffusi ogni giorno sulla totalità dei positivi, in aumento, è chiara nell’osservare il numero di nuovi contagiati in proporzione anche ai tamponi effettuati. E le misure di distanziamento sociale giocano un ruolo fondamentale: «Mai come ora è importante mantenerle, l’obiettivo è arrivare a R con 1, che significherebbe che ogni contagiato contagia a sua volta una persona, e poi scendere sotto, avvicinandosi allo 0: a questo livello, non ci sono nuovi contagi». A spiegarlo a GenovaToday è Andrea Orsi, professore associato di igiene all’Università di Genova, in servizio nell'unità operativa Igiene dell'Ospedale Policlinico San Martino.

«Il fattore R con 0 indica quanti individui possono essere contagiati con un singolo caso in una popolazione di soggetti tutti suscettibili - spiega ancora Orsi - il morbillo, per esempio, è il virus più infettivo e contagioso di tutti, il suo R con 0 è 15. Non è un caso che quando si ammala un bambino a scuola si ammala tutta la classe. L’influenza stagionale ha un R con 0 tra 1.5 e 2, il che significa che un singolo caso ne infetta in media altri due».

Ovviamente, l’R con 0 dipende da parecchi fattori che vanno dal tempo di incubazione alle condizioni di vita in comunità alle condizioni igieniche: «Il numero è una stima che può variare in tempo e luogo - conferma Orsi - ci sono zone del mondo in cui è elevato o basso, le prime stime del nuovo corona sono state fatte in Cina, nella provincia dell’Hubei, ed era tra 3 e 4, il doppio rispetto all’influenza normale. Ci sono altre zone dove adesso l’R con 0 è ancora abbastanza basso e non ha mai superato il livello di 2».

L’obiettivo è avvicinarsi, grazie alle misure di contenimento, a 1, e poi scendere ancora: «In questo caso un soggetto ammala solo un altro soggetto. In Liguria stiamo osservando che dopo una prima fase di aumento esponenziale, con l’R con 0 molto superiore a 1, ora stiamo assistendo a una riduzione dei contagi giornalieri. Vediamo nuovi casi, ma non tanti come prima, il che significa che l’R del virus si è abbassato, e questo non perché è cambiato il virus, ma perché abbiamo messo in atto misure di distanziamento sociale».

La partita, adesso, si gioca tra le famiglie, nelle mura di casa: «Dobbiamo cercare di isolare al massimo i possibili casi, è l’unico modo per impedire al virus di diffondersi». Le stime e le previsioni, in Liguria, lasciano intuire che se le misure di distanziamento verranno rispettate nelle prossime settimane, i contagi inizieranno a scendere più velocemente. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’oscillazione dei numeri di questi giorni, infatti, dipende molto dall’aumento dei tamponi che consentono di diagnosticare casi che potevano essere sfuggiti: «Il numero dei nuovi contagi deve essere rapportato al numero di tamponi fatti - conferma Orsi - La percentuale è in diminuzione da diversi giorni. Noi testiamo principalmente i pazienti ospedalizzati, ma con il potenziamento delle squadre a domicilio negli ultimi giorni abbiamo molti più tamponi e quindi un numero maggiore di positivi. I numeri però ci indicano una riduzione dei nuovi contagi, anche perché nelle statistiche vengono riportate anche persone già positive, ma non più sintomatiche. Ci stiamo avvicinando all’uno, dobbiamo andare oltre e puntare a scendere e arrivare allo 0. Ovviamente è un obiettivo di medio periodo, probabilmente da qui alle prossime settimane assisteremo comunque a un continuo stillicidio di casi, ma se rispettiamo la distanza sociale e le regole saranno sempre meno numerosi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, possibile "mini lockdown" in tutta Genova: «I contagi crescono ovunque»

  • Bassetti: «In ospedale al primo sintomo influenzale per la paura che è stata trasmessa»

  • Covid, tutta Genova diventa zona "ad alta attenzione": firmata la nuova ordinanza

  • Auto pirata travolge gruppo di giovani a Quezzi, 4 feriti gravi tra cui una ragazza incinta

  • Incidente a Quezzi, arrestato il pirata della strada

  • Pronto soccorso in affanno, troppi accessi per sintomi lievi: «Sbagliato, ecco quando dovete venire»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento