rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Attualità Righi, Parco Urbano delle Mura e dei Forti.

La cometa di Natale Leonard 'catturata' dall'Osservatorio astronomico del Righi

Nei prossimi giorni la cometa potrà essere visibile anche ad occhio nudo nei cieli molto bui

 Risveglio stellare questa mattina all'Osservatorio astronomico del Righi da dove Marina Costa ha catturato la cometa di Natale Leonard.

L'avvistamento risale a poche ore fa, alle 4.43 grazie al telescopio Celestron Nexstar 11. "La cometa si trova attualmente a circa 50 milioni di km da noi, circa un terzo della distanza che separa la Terra dal Sole - spiega il direttore Walter Righi - Una distanza notevole ma incredibilmente più vicina a noi dell'ammasso globulare M3, che si trova invece sullo sfondo a circa 34mila anni luce di distanza, equivalenti a oltre 320 milioni di miliardi di km...".

La cometa Leonard è stata scoperta il 3 gennaio dall'astronomo Gregory J. Leonard dal Mount Lemmon Infrared Observatory, situato nelle montagne di Santa Catalina, a circa 17 miglia a nord-est di Tucson, in Arizona. Dalla sua scoperta, la cometa si è avvicinata sia al Sole sia alla Terra, ma è rimasta un oggetto molto debole fino a qualche settimana fa.

"Adesso la sua luminosità è aumentata notevolmente ed è alla portata di telescopi amatoriali o situati nei cieli illuminati delle nostre città - continua Righi -
Nei prossimi giorni la cometa, che si sta spostando rapidamente in cielo, continuerà ad essere visibile da binocoli e piccoli telescopi, forse anche ad occhio nudo da cieli molto bui, bassa sull'orizzonte orientale in prossimità dell'alba".

La cometa raggiungerà la minima distanza dalla Terra il 12 dicembre. "Successivamente sarà visibile molto bassa nel cielo serale e raggiungerà il punto più vicino al Sole il prossimo 3 gennaio 2022, perdendosi poi nello spazio siderale".

"Il telescopio che ha fotografato la cometa è munito di camera ASI 533MC e di riduttore di focale Celestron 0,63 in modo da racchiudere in un unico scatto, della durata di 18 secondi, il transito della cometa nei dintorni dell'ammasso globulare M3 nella costellazione dei Cani da Caccia. Un'occasione fortunata, quindi, che abbiamo voluto immortalare in occasione del Natale 2021", conclude Walter Riva.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La cometa di Natale Leonard 'catturata' dall'Osservatorio astronomico del Righi

GenovaToday è in caricamento