rotate-mobile
Attualità

VIDEO | "Cinghiali disco", la parodia sulle difficoltà dei musicisti emergenti a Genova

"La canzone - spiegano i Cugini della Corte, al secolo Lorenzo Isola e Andrea Morini - ironizza sui soliti stereotipi che ogni artista ha vissuto sulla sua pelle". Da "non ci sono soldi vieni gratis" a "bravo ma non è il genere adatto"

"Questa non è Milano, dopo le 9 devi far piano": parte così il ritornello di "Cinghiali Disco", il singolo dei Cugini della Corte che parla delle difficoltà che incontra la musica emergente d'autore in Liguria.

Non ci si meravigli se il "tormentone" sembra noto: è stato scritto sulle note di "Italo Disco" dei The Kolors, una delle canzoni più trasmesse dalle radio quest'estate. Ma in salsa ligure, ovviamente, dunque non potevano mancare i cinghiali.

"La canzone - spiegano i Cugini della Corte, al secolo Lorenzo Isola e Andrea Morini - ironizza sui soliti stereotipi che ogni artista ha vissuto sulla sua pelle". Da "non ci sono soldi vieni gratis" a "bravo ma non è il genere adatto".

"Situazioni vissute dagli stessi The Kolors, come hanno sottolineato nelle
loro interviste passate - continuano Isola e Morini - proprio per questo la scelta di costruire una parodia sulle note del loro singolo 'Italo Disco', che sta spopolando in tutta Europa, risulta azzeccata. Si può fare di più per far crescere i giovani cantautori e coltivarli sul nostro territorio? Sicuramente si. Senza dimenticare però che sono le cosiddette 'porte in faccia' a far crescere artisticamente e mentalmente un cantante, preparandolo a quella giungla che è oggi il mercato discografico italiano".

Nella canzone, Andrea e Lorenzo raccontano la loro esperienza in chiave ironica. Se a Genova la musica è argomento serio - dal Festival di Sanremo alla scuola genovese dei cantautori - per i giovani è comunque ancora faticoso farsi strada.

Il testo:

Ciao piacere sono Andrea

E canto per la mia città

Vengo da Genova

Il musicista è roba seria

Questione di libertà

Sognando il festival

Non ho tatuaggi sulla pelle

E non mi chiamano in tv

Forse perché sono normale

Sei banale

Se faccio musica ribelle

Non mi ascoltate più

Ma il ritornello è sempre uguale

Sempre uguale

Non mi servi più perché preferiamo una cover band

Scusa ma non resisto

Cinghiali Disco

È un ritornello

Che fa ballare

Questo non è previsto

Ma ti capisco

E garantisco

Di richiamare

Questa non è Milano

Dopo le 9 devi far piano

Non ti conosco mi sembri bravo

Non ci sono soldi vieni gratis

Meglio il posto fisso

Mi presento ciao sono Lorenzo

Ed è difficile capire cosa penso In questo mondo non ci sto dentro

Vengo da Zena senti l’accento

Bravi lavoro ben fatto

Scrivi e ti ricontatto

Mmm lo sai che ti dico

Non so se è il genere adatto

Tutti fanno musica mercante in fiera

Non c’è posto per il nuovo dentro la voliera

Sottobosco di marchette lungo la riviera

Nelle piazze e nelle strade ritmo di balera

C’è chi lo fa per primo è un genio va bene

E chi per secondo gli copia il mestiere

Qui serve una bomba di ibuprofene

Vi chiedo scusa, sono solo un ingegnere

Scusa ma non resisto

Cinghiali Disco

È un ritornello

Che fa ballare

Questo non è previsto

Ma ti capisco

E garantisco

Di richiamare

Questa non è Milano

Dopo le 9 devi far piano

Non ti conosco mi sembri bravo

Non ci sono soldi vieni gratis

Questa non è Sanremo

Teniamo duro ce la faremo

Cara gavetta io non ti temo

Bravi ma un po’ troppo educati

La Cinghiali Disco

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

VIDEO | "Cinghiali disco", la parodia sulle difficoltà dei musicisti emergenti a Genova

GenovaToday è in caricamento