rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Attualità Centro Storico / Vico della Rosa

La biciofficina che apre in un locale confiscato alla mafia: "Ora sarà un luogo di inclusione"

Il nuovo locale in vico Rosa, dove i cittadini del centro storico potranno auto riparare le proprie biciclette nel locale, ma non solo: spazio anche a corsi specifici e professionalizzanti, alla sensibilizzazione della mobilità sostenibile e del codice della strada

Verrà ufficialmente inaugurata venerdì 22 settembre "Boom", la Biciofficina Maddalena, nata in uno spazio confiscato alla criminalità organizzata nel centro storico di Genova, per la precisione in vico Rosa.

L'attività, realizzata dalla cooperativa sociale Il Laboratorio, si pone come obiettivo l'inclusione, l'aggregazione sana e la formazione attraverso il mondo della bicicletta, migliorando il benessere di bambini, ragazzi e famiglie del centro storico. Il tutto unito alla filosofia della mobilità dolce e sostenibile.

L'inaugurazione arriva in un momento non casuale: "Siamo nella Settimana Europea della Mobilità Sostenibile - spiega a GenovaToday Roberto Murgia, responsabile del progetto - e ci siamo impegnati molto per arrivare all'apertura della biciofficina in questi giorni. Prima l'attività era ospitata in un altro locale, adesso invece finalmente siamo pronti per darle una casa vera e propria. Uno spazio che potrà essere un punto di riferimento soprattutto per giovani e per tutti coloro che vogliono imparare a riparare le bici da soli".

Il progetto è partito nel 2021, quando la cooperativa ha ottenuto l'associazione di un locale confiscato alla criminalità organizzata in vico Rosa 18, nel sestiere della Maddalena. Per restituire lo spazio alla cittadinanza, è stata ideata "Boom": "Partendo dalla creazione di un luogo - spiegano dal Laboratorio - in cui i cittadini del centro storico di Genova potranno auto riparare le proprie biciclette, l'attività si muoverà in tre direzioni: in primis la formazione sull'uso della bici e sulla riparazione con corsi specifici e professionalizzanti. In secondo luogo la sensibilizzazione e la promozione della mobilità sostenibile e del codice della strada. Infine, sarà un luogo di aggregazione e inclusione sociale".

Per quanto riguarda i corsi, "parte dell'attività - spiega ancora Murgia - è dedicata a un centro educazione lavoro. Poi ci saranno corsi aperti a tutti per insegnare le basi della riparazione delle bici".

Ci saranno giochi, attività, eventi e corsi di formazione legati al mondo a due ruote in tutto il sestiere, con un occhio di riguardo soprattutto nei confronti dei minori: nello spazio opereranno sia "edu-meccanici", cioè educatori con competenze di meccanica delle biciclette, che educatori di strada che coinvolgeranno ragazzi e bambini, combattendo isolamento ed esclusione sociale.

"Boom" - gestita dal Laboratorio che si occupa anche della Casa delle Biciclette, bike parking comunali in vico Cannoni e Boccanegra - tiene aperto lunedì dalle 14,30 alle 18, mercoledì dalle 14,30 alle 18 e venerdì dalle 9 alle 12.

Il progetto è stato realizzato con il sostegno del Comune di Genova nell'ambito del Piano integrato caruggi - Patto di sussidiarietà del centro storico, compagnia San Paolo e 8xMille Valdese.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La biciofficina che apre in un locale confiscato alla mafia: "Ora sarà un luogo di inclusione"

GenovaToday è in caricamento