rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Attualità Piazza Pontedecimo

'Superlavalle', presentato il progetto della nuova ciclabile

La progettazione prevede una realizzazione per tre lotti funzionali: Fiumara Cerchio Rosso-Rivarolo; Rivarolo-Bolzaneto-San Quirico; San Quirico-Pontedecimo

Dovrebbero partire entro l'anno i lavori per la nuova pista ciclabile in val Polcevera, tra Fiumara e Pontedecimo. 'SuperlaValle', è questo il nome del progetto dell'associazione culturale, sportiva e ambientalista Liberidimuoversi, presentato a Palazzo Tursi.

Alla conferenza stampa erano presenti, tra gli altri, il sindaco di Genova Marco Bucci, gli assessori alla mobilità integrata e trasporti Matteo Campora e all’urbanistica Simonetta Cenci, il presidente dell’associazione Liberidimuoversi, Gregorio Rosa, gli autori del progetto e i rappresentanti delle realtà che lo sponsorizzano (Hitachi Rail, Coop Liguria, Iren) o patrocinano (Iit) e i membri di alcune associazioni cittadine impegnate nella promozione e diffusione della ciclabilità e della mobilità sostenibile.

Dettagli tecnici del progetto e collegamento con il Cerchio Rosso

L'itinerario della pista ciclopedonale 'SuperlaValle' partirà dalla Fiumara per concludersi a Pontedecimo, con una lunghezza complessiva di circa 14 chilometri. La progettazione prevede una realizzazione per tre lotti funzionali: Fiumara Cerchio Rosso-Rivarolo; Rivarolo-Bolzaneto-San Quirico; San Quirico-Pontedecimo.

Il tracciato si sviluppa lungo la Valle e garantisce la connessione con il progetto del Cerchio Rosso, inserito all'interno del futuro Parco del Polcevera, e con le principali polarità urbane, paesaggistiche e turistiche come, ad esempio, i Forti di Genova, i Santuari della Madonna della Guardia e di Coronata, la Fondazione Ansaldo, l’Abbazia del Boschetto, Villa Serra di Comago.

Il percorso collega inoltre le diverse stazioni ferroviarie (Sampierdarena, Rivarolo, Bolzaneto, San Quirico e Pontedecimo) dove si prevede la realizzazione di stazioni per il bike-sharing, cicloposteggi e colonnine per la ricarica delle e-bike.

Una pista ciclopedonale per tutti

Si potrà pedalare e camminare in tutta sicurezza, dato che il percorso si snoderà per la maggior parte in sede propria e protetto, lungo l’argine destro del torrente Polcevera, con pendenze minime. Per la sua realizzazione i progettisti - l'architetto Enrica Maria Ferrari e l'ingegnere Emanuele Rossi - e l'associazione Liberidimuoversi hanno previsto l'utilizzo di soluzioni facili ed economiche (tracciati di vecchi percorsi pedonali, tratti ferroviari dismessi, zone esistenti con limitazione di velocità a 30 km/h), ricavando spazio per corsie a doppio senso con una larghezza di circa 3 metri.

La pista ciclabile, indicata con pannelli informativi, sarà valorizzata da fasce di verde, alberature e arredo urbano (panchine, fontanelle, rastrelliere portabici e così via). E soprattutto, come accade in altre città del mondo, anche Genova avrà il suo parco lineare, grazie al recupero del binario ferroviario ormai dismesso che collega Trasta a Fegino. Lì nascerà un'area verde a contorno del percorso ciclabile, con giochi per bambini e panchine: un luogo dedicato alla socialità dei residenti e non solo.

Come nasce il progetto “SuperlaValle”

Un gruppo di amici tra cui un architetto e un ingegnere, un binario in disuso, una vallata, la Valpolcevera, da vivere e (ri)scoprire. Questi i protagonisti di una storia nata nel 2017 con l’intento di collegare tra loro, in modo sostenibile, le delegazioni della Valpolcevera e, quest’ultima, con il resto della città.

Il progetto 'SuperlaValle' vuole favorire l’utilizzo di una mobilità alternativa all'auto, dando a tutti la possibilità di pedalare e camminare in sicurezza, nell’ottica di incoraggiare una modalità di trasporto urbano ad altissima efficienza e bassissimo impatto ambientale.

Il progetto, consegnato al Comune di Genova, è stato curato dall’associazione Liberidimuoversi con il contributo economico di realtà presenti in Valpolcevera (Hitachi Rail, Coop Liguria, Iren) e il patrocinio di Iit.

L’opportunità del Pnrr e le ciclabili 'universitarie'

Utilizzando i fondi messi a disposizione dal Pnrr (150 milioni di euro di cui 3,5 milioni per il Comune di Genova), il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili (Mims) si pone l'obiettivo di rafforzare la mobilità ciclistica, finanziando, nelle 40 città che ospitano le principali sedi universitarie, la realizzazione di nuove ciclovie urbane e metropolitane (circa 600 km entro il 2026). Interventi indirizzati alla realizzazione di collegamenti ciclabili tra le sedi universitarie e i nodi ferroviari o metropolitani.

I 3,5 milioni di euro provenienti dal Pnrr e ottenuti dal Comune di Genova per il rafforzamento della mobilità ciclistica saranno utilizzati, in quota parte, anche per il progetto 'SuperlaValle', un lotto del quale, ancora da individuare, sarà completato entro fine 2022.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Superlavalle', presentato il progetto della nuova ciclabile

GenovaToday è in caricamento