Lunedì, 27 Settembre 2021
Attualità

Certificati anagrafici e informazioni turistiche in edicola: l'esperimento diventa permanente

La rete diffusa include gli esercizi che aderiscono al protocollo che che possono erogare servizi demografici online e offrire informazioni turistiche

La giunta comunale ha approvato una nuova delibera che rende permanente la rete diffusa delle edicole aderenti sul territorio comunale che possono erogare servizi demografici online e offrire informazioni turistiche.

La sperimentazione della rete diffusa è partita ad aprile 2019 con la firma del protocollo d’intesa tra Comune di Genova e le associazioni di edicolanti. La rete diffusa ha consentito di agevolare l’accesso ai servizi online del Comune di Genova, come il rilascio delle certificazioni anagrafiche, anche ai cittadini privi di strumenti informatici, o poco inclini al loro utilizzo, dall’altro creare una rete capillare di mini-uffici turistici, in tutti i quartieri cittadini e non solo in centro, in grado di soddisfare al meglio, per orari di apertura e visibilità, la domanda turistica.

I privati che hanno aderito all’iniziativa, a cui si sono aggiunti anche le Aci, hanno ricevuto un’apposita formazione dalla direzione dei Servizi Civici comunali sull’utilizzo dei servizi online, modalità di stampa dei certificati e normativa in materia di bollo. Il tetto massimo di rimborso per il servizio erogato è di due euro.

All’interno del progetto rete diffusa delle Edicole 4.0, fino al 25 settembre, i titolari di rivendite di giornali possono fare domanda con il secondo bando (scaricabile al link: https://smart.comune.genova.it/domanda-avviso-pubblico-edicole-rete-punti-vendita) per le edicole brandizzate all’interno del Centro Storico. Grazie al precedente bando, inserito nel Piano Integrato Caruggi, sono state già brandizzate e rese riconoscibili con un I di informazione le edicole di piazza De Ferrari, Caricamento e piazza Acquaverde.

“L’esperienza è nata in via sperimentale nel 2019 - ha detto il vicesindaco e assessore ai Servizi civici Massimo Nicolò - e ha riscosso un ottimo successo: solo nel 2020 sono stati rilasciati, tramite le edicole aderenti, oltre 23.600 certificati anagrafici, un numero che dimostra quanto il servizio sia stato apprezzato per la propria immediatezza e diffusione dai genovesi. Per questo motivo, abbiamo deciso, di concerto con le categorie che hanno stipulato con il Comune l’intesa, di rendere permanente il servizio e di diffonderlo ancora di più”.

“Il progetto ha ricevuto un’ottima risposta anche da parte dei titolari delle edicole che, aderendo alla rete diffusa - ha detto l’assessore al Commercio e Centro Storico Paola Bordilli - hanno la possibilità di creare economia e allargare i propri contatti. Il servizio è stato particolarmente apprezzato da parte dei genovesi durante l’emergenza pandemica consentendo anche ai cittadini sprovvisti di strumenti informatici di accedere ai servizi online del Comune”.

“La rete diffusa consente una diffusione capillare delle informazioni turistiche - ha aggiuntoll’assessore allo Sviluppo economico turistico e marketing territoriale Laura Gaggero - strategiche soprattutto nei Municipi dove non ci sono Iat, trasformando le edicole aderenti in infopoint dove il turista può anche acquistare Genova city Pass per l’ingresso alle principali attrazioni della città, oltre che ricevere informazioni e materiale informativo e mappe dei tour. L’obiettivo è rafforzare sempre di più la rete diffusa che abbina l’innovazione ai servizi turistici”.

L’elenco delle Edicole 4.0 aderenti alla rete diffusa al link: https://smart.comune.genova.it/contenuti/edicole-e-aci-40

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Certificati anagrafici e informazioni turistiche in edicola: l'esperimento diventa permanente

GenovaToday è in caricamento