rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Attualità Ne

Celebrazioni 25 aprile con polemiche: "A Ne ricordano caduti che non hanno fatto la Resistenza"

Le Anpi del Tigullio hanno declinato l'invito a partecipare alle celebrazioni e in una lettera hanno contestato le scelte dell'amministrazione comunale

Polemiche nel levante dove l'Anpi ha declinato l'invito a partecipare alle celebrazioni del 25 aprile del comune di Ne. Il motivo? La mancanza di riferimenti alla lotta di Resistenza nel programma stampato in un manifesto e la citazione di caduti che sono appartenuti a un periodo antecedente alla guerra di Liberazione. Tutte le Anpi del Tigullio hanno quindi inviato una lettera all'amministrazione comunale, in cui spiegano le ragioni del rifiuto. 

"Un invito che ci lascia alquanto perplessi - si legge - perché nel programma del manifesto per le celebrazioni del 25 Aprile, non c’è alcun riferimento alla vera motivazione di questa importante giornata di memoria, ossia alla lotta di Resistenza al nazi-fascismo e alla conseguente Liberazione dell’Italia dall’invasore e dalla dittatura, ma genericamente si parla di ricordo degli 'eroi' sacrificati per la 'patria'. Con tutto il rispetto dovuto ai caduti indicati nel vostro programma - scrivono le Anpi del Tigullio al comune di Ne - notiamo che questi ultimi sono appartenuti a un periodo storico precedente a quello Resistenziale Partigiano". Nel manifesto vengono citati Vittorio Benedetto Pessagno, morto durante la Prima Guerra Mondiale, e Riccardo Pessagno, che perse la vita in Russia nella battaglia di Nikolajewka.

"In Val Graveglia - proseguono - sono presenti diversi cippi e lapidi che ricordano le gesta e il martirio di quei giovani italiani, che sacrificarono la loro stessa vita per la libertà, la democrazia e la pace, ed è nostro dovere commemorarne la memoria proprio in queste giornate. Infine, la Sezione di Lavagna e Valli Aveto Sturla e Graveglia è stata ufficialmente invitata a organizzare la manifestazione intercomunale di vallata, che quest’anno si svolgerà nel comune di Mezzanego, nel giorno della festa nazionale del 25 Aprile. Celebrazioni ufficiali - concludono le Anpi rivolgendosi al comune di Ne - , che riguardano cinque comuni tra i quali anche il vostro: Santo Stefano, Rezzoaglio, Borzonasca, Mezzanego ed appunto Ne. Per quanto premesso sopra, ci vediamo costretti a declinare l’invito".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Celebrazioni 25 aprile con polemiche: "A Ne ricordano caduti che non hanno fatto la Resistenza"

GenovaToday è in caricamento