Attualità Castelletto / Salita di Santa Maria della Sanità

Castelletto, la strada tappezzata di cartelli di divieto di sosta scatena le polemiche

In salita di Santa Maria della Sanità, a due passi da Villa Gruber, sono stati installati una sessantina di cartelli per disincentivate la sosta selvaggia. Il consigliere Lucente presenta un'interrogazione

Foto: Massimiliano Lucente

Polemica a Castelletto per la comparsa di una (lunga) serie di cartelli di divieto si sosta lungo salita Santa Maria Della Sanità, una stretta strada di poco più di 300 metri a senso unico.

Nei giorni scorsi, evidentemente nel tentativo di scoraggiare la sosta selvaggia sul marciapiede - che rischierebbe di bloccare anche i mezzi di soccorso, viste le dimensioni della strada - sono stati installati una sessantina di segnali che si susseguono per l’intera lunghezza della via. Intervento che ha suscitato non spinto il consigliere municipale del Movimento 5 Stelle, Massimiliano Lucente, a depositare un’interrogazione per capire chi abbia dato il via libera.

“Vediamo il moltiplicarsi in modo anche orribile per gli occhi, di cartelli di divieto di sosta (circa sessanta) che apparentemente non risolvono gli originali problemi di sosta selvaggia degli scooter, che continuano a posteggiarvisi in mezzo con bauletti sporgenti, sosta selvaggia di fronte della caserma dei carabinieri esattamente li presente, che potrebbe compiere azioni risolutive di dissuasione tramite sanzioni - scrive Lucente - Invece, si sceglie l'opzione di non lasciare possibilità - non di sosta- ma neanche di fermata per i centinaia di abitanti li presenti: gli anziani con la spesa, le mamme con il passeggino da scaricare. A nulla sono servite le proteste degli abitanti, apparse anche in questi giorni nei portoni”.

Il consigliere ha fatto inoltre notare che i cartelli sono stati installati nei pressi di un luogo vincolato dalla Soprintendenza - Villa Gruber - definendo l’intervento “fuori scala. Qual è il motivo da parte di amministrazione e mobilità, perché questa zona meritasse un'intervento così massivo a fronte di una zona in grave crisi per la sosta? Al contrario, perché allora per altre zone in eguale criticità, non si interviene con tale dispiegamento economico? Quanto è costata questa iniziativa, che ha lasciato -fra l'altro- pellicole di plastica non levate dai nuovi cartelli, in tutta la strada e circa 8 interventi sul selciato per la fibra ottica, con già nascita di voragini dopo la recente asfaltatura?”.

I cartelli hanno intanto diviso i residenti della zona: c’è chi si accoda alle perplessità di Lucente, e chi invece appoggia la decisione puntando il dito contro i ripetuti episodi di blocco della viabilità.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Castelletto, la strada tappezzata di cartelli di divieto di sosta scatena le polemiche

GenovaToday è in caricamento