Domenica, 26 Settembre 2021
Attualità

Autostrade, il ministero: «Non perseguibile stop generalizzato dei cantieri». Ma apre all'esenzione dei pedaggi

Il bilancio del tavolo di confronto cui hanno partecipato il ministro Giovannini, rappresentanti della Regione e rappresentanti di Anci

Impossibile uno stop generalizzato dei cantieri sulle autostrade della Liguria, ma il governo collaborerà con la Regione e con i Comuni per far sì che l’impatto sul traffico sia il minore possibile.

È quanto è emerso dal tavolo di confronto sul tema autostrade che si è tenuto lunedì tra il ministro delle Infrastrutture e Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini, i rappresentanti della Regione e Anci.

Il ministro ha sottolineato la necessità di «trovare subito soluzioni concrete» per migliorare il flusso di traffico per viabilità ordinaria, turistica e trasporto merci, e ha chiesto un piano a lungo termine per uscire dall’emergenza con soluzioni anche a medio termine, che vadano cioè oltre il periodo estivo. Potenziare la rete ferroviaria e il trasporto pubblico locale sono le due proposte principali messe sul tavolo, mentre sulla richiesta, arrivata sia dalla Regione sia dai Comuni, di prevedere un’esenzione dei pedaggi in tutta la Liguria, il ministro ha riferito che in Parlamento è in discussione il dl Sostegni, in cui sono presenti proposte che vanno in questa direzione per compensare i disagi subiti dai viaggiatori.

«Fermo restando l’accordo già assunto al tavolo esistente di ridurre il più possibile i cantieri nei mesi estivi - ha detto Giovannini - chiederò ai concessionari precisi impegni per individuare i lavori che possono essere posticipati perché non riguardano specificamente interventi sulla sicurezza». Una nuova riunione verrà convocata la settimana prossima, dopo il confronto con i concessionari autostradali.

Il sindaco Marco Bucci ha inoltre ribadito di aver richiesto da tempo al ministero due corsie libere nel weekend per ogni carreggiata sulla rete autostradale ligure, ma la situazione non è ancora cambiata: «Bisogna fare un extra sforzo per lavorare di notte e aprire le corsie nel weekend», ha sottolineato, mentre il sindaco di Chiavari Marco Di Capua ha portato l’esperienza del Tigullio, invaso da 1.300 tir negli ultimi giorni in seguito alle chiusure autostradali, e ha chiesto, oltre alla sospensione dei cantieri, che  debba venire necessariamente ridisegnato il piano infrastrutturale con strutture nuove, che garantiscano la viabilità alternativa.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Autostrade, il ministero: «Non perseguibile stop generalizzato dei cantieri». Ma apre all'esenzione dei pedaggi

GenovaToday è in caricamento