rotate-mobile
Attualità

Calcio femminile, la genovese Cafferata convocata in Nazionale

La giocatrice della Acf Fiorentina, nata a Genova e cresciuta nel Ligorna, vestirà la maglia azzurra nell'amichevole Italia-Brasile in programma lunedì 10 ottobre al Ferraris

Il Ferraris è pronto ad aprire le sue porte alla Nazionale femminile di calcio. E a fare gli onori di casa sarà proprio una calciatrice genovese: Federica Cafferata è stata convocata tra le azzurre per l'amichevole Italia-Brasile in programma lunedì 10 ottobre a Genova.

Cafferata, 22 anni, milita nella Acf Fiorentina ma è cresciuta nel Scd Ligorna 1922. Nella sua carriera ha vestito anche le maglie di Usd Lavagnese e del Genoa Women in Serie B, Napoli Femminile e Fiorentina in Serie A. La difensora è stata chiamata insieme alle colleghe Bellucci e Baldi in sostituzione di Bartoli, Girelli, Giugliano e Schroffenegger, che non hanno potuto rispondere alla convocazione in quanto indisponibili. Per Federica Cafferata si tratta di un'occasione per mettersi alla prova: "È scontato dire che l’emozione è grande ma allo stesso tempo forse non ho ancora bel realizzato quello che succederà - racconta la calciatrice a GenovaToday - perché tornare a casa mia vestendo questa maglia della nazionale maggiore per la prima volta mi sembra una di quelle storie scritte nei libri. Mi godrò ogni momento in un giorno speciale. Non lo vedo assolutamente come un punto di arrivo ma come uno stimolo per lavorare sempre meglio".
Cafferata non nasconde la felicità per una partita così importante disputata nello stadio genovese: "Sono anche tanto felice perché una città come Genova ospiterà una amichevole di livello dopo tanti anni che la nazionale maggiore non veniva. Il mio rapporto con Genova non è difficile da descrivere, mi reputo una genovese oltre che genoana doc. Lo stadio lo conosco bene poiché ho avuto per anni l’abbonamento nei distinti assieme a mia mamma. Sono felice che tante miei amici e familiari verranno a supportare la nazionale con la speranza di vedere tanta tanta gente allo stadio".

La Nazionale di Milena Bertolini da Genova si prepara per Mondiale: "La nostra idea, a partire dal match del Ferraris, è di organizzare diversi test contro avversarie di prima fascia perché così facendo avremo modo di abituarci al livello che troveremo in Australia e Nuova Zelanda", ha spiegato l'allenatrice in conferenza stampa. "Nei prossimi mesi sarà fondamentale ragionare sia in termini di Nazionale maggiore che di Nazionale Under 23, l’obiettivo è infatti quello di lavorare con le più giovani dando loro la possibilità di fare esperienza internazionale”. 

Da qualunque prospettiva la si guardi, Italia-Brasile non è e non sarà mai una partita come le altre. Ne è consapevole Bertolini, che lunedì prossimo spera di poter contare anche sulla spinta del pubblico (biglietti in vendita da giovedì 6 ottobre): “Sono certa che la città risponderà alla grande - ha concluso la Ct - conquistando il pass per la seconda edizione consecutiva della Coppa del Mondo le ragazze hanno fatto qualcosa di speciale ed è giusto che questo merito gli venga riconosciuto. Affronteremo una squadra che ha tecnica, talento e che è guidata da un’allenatrice, la svedese Pia Sundhage, che porterà ordine e competenze a livello tattico”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calcio femminile, la genovese Cafferata convocata in Nazionale

GenovaToday è in caricamento