Coronavirus e Fase 3, la Regione cerca 40 giovani per il servizio civile

Approvato il bando per la selezione di ragazzi dai 18 ai 29 anni da impiegarsi in enti di servizio civile regionale. La durata del servizio è di 6 mesi

La Regione cerca giovani disponibili a impegnarsi in attività di supporto per la cosiddetta “Fase 3” post coronavirus.

È stato infatti approvato il bando regionale per la selezione di 40 ragazzi tra i 18 e i 29 anni che verranno impiegati in enti di servizio civile regionale. Gli ambiti di attività previsti sono diversi, dall’infanzia all’ambiente passando per quelli emergenziali, e i mesi di servizio saranno 6, con 25 ore di attività settimanali e un gettone mensile pari a 433,80 euro.

Le domande di partecipazione dovranno essere inviate direttamente entro le 24 del 30 giugno all’indirizzo di posta clesc@clesc.it  della Conferenza ligure degli Enti Servizio civile (Clesc), organo di garanzia del raggruppamento delle Ats del servizio civile.

La domanda deve essere presentata compilando il modulo e allegando la fotocopia del documento di identità. I dettagli nel bando allegato in pdf in fondo alla pagina.

Servizio civile, ambiti di servizio

  • area infanzia e minori: attività supporto di iniziative e strutture nel nuovo scenario di riapertura servizi per infanzia (affiancamento operatori, distanza sociale, accoglienza accessi)
  • area anziani, disabili e fasce deboli: servizi di supporto sia alle esigenze di tipo primario che di accesso agli strumenti informatici (utilizzo computer, internet, social network video chiamate, utilizzo spid e accesso servizi pubblici online)
  • area strutturale ambientale accessibilità: servizi per ripristino aree esterne e verdi in prossimità di strutture di tipo educativo ricreativo, con allestimento spazi e supporti informativi per rispetto normativa distanza sociale, percorsi verdi e/o spazi per mobilità alternativa (piste ciclabili percorsi pedibus) attività ampliabile progressivamente anche alle riaperture a spazi di tipo culturale e artistico
  • area servizi ordinari o rimodulati impegnati in emergenza: servizi di enti impegnati direttamente per loro natura in emergenza (Croce Rossa, Anpas Pubbliche Assistenze, Caritas, Comuni, Municipi) o rimodulati sulle stesse (enti vari di terzo settore) con attività tipo accompagnamenti sanitari, presidi raccolta e consegna generi di prima necessita, consegna presidi medici e di sicurezza.

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ferrari distrutta per Marchetti mentre si allena a Pegli

  • Covid, firmato il nuovo dpcm: spostamenti, asporto e scuola, cosa prevede

  • La Liguria torna in zona gialla, ma si attende il nuovo (e più severo) dpcm: cosa si sa

  • Liguria in zona arancione con i nuovi parametri: cosa cambia

  • Il genovese "Fotografo dei Puffi" conquista i social: «Così faccio conoscere la Liguria con fantasia e ironia»

  • Liguria gialla o arancione da domenica, attesa per la nuova ordinanza

Torna su
GenovaToday è in caricamento