rotate-mobile
Giovedì, 18 Aprile 2024
Attualità Pegli

Una raccolta fondi per la piccola Nora di Pegli, affetta da sarcoma di Ewing

Grande mobilitazione su GoFundMe: in due giorni sono stati raccolti oltre 56mila euro per consentire alla sua famiglia di recarsi all’Anderson Cancer Center di Houston, ma serve ancora aiuto

È grande la mobilitazione dei genovesi per Nora, bambina pegliese di 5 anni affetta da sarcoma di Ewing. 

La piccola, seguita al Gaslini di Genova, ha dovuto affrontare molti esami e terapie, ma dopo una recente tac di controllo è stato comunicato ai genitori che la terapia dei cicli chemioterapici, intrapresa in questi 9 mesi, non ha avuto i risultati sperati.

La raccolta fondi per curarsi in Texas

Una notizia tremenda, ma la famiglia e gli amici di Nora non si sono arresi: proprio questi ultimi hanno lanciato una raccolta fondi su GoFundMe per permettere alla bimba di recarsi in Texas con i genitori, presso l’Anderson Cancer Center di Houston, considerato centro di eccellenza per la cura del sarcoma di Ewing, per cercare un po' di speranza. 

In molti hanno voluto testimoniare la loro vicinanza a Nora e alla sua famiglia, con messaggi d’affetto e compiendo un piccolo gesto di solidarietà. Con 1600 donazioni, in soli due giorni sono stati già raccolti oltre 56mila euro, come sottolinea anche la stessa piattaforma GoFundMe in una nota ufficiale.

Le metastasi hanno invaso i polmoni, hanno preso purtroppo il sopravvento, impedendo il trattamento con le cellule staminali, come spiegano sulla piattaforma i promotori dell’iniziativa, che infine lanciano un appello: “Tentare il tutto e per tutto, per sperare in qualche cura alternativa. Ma per questo viaggio, papà e mamma dovranno avere un supporto economico ed affidarsi al buon cuore di tutti coloro che potranno evolvere un contributo solidale anche piccolo piccolo, per arrivare alla cifra consona per poter affrontare tutto questo”.

La raccolta fondi è stata condivisa anche sui social dalla popolazione, e anche i comitati del ponente - come Pegli Bene Comune - la stanno sostenendo.

Un incubo iniziato ad aprile

"Il 28 aprile - scrive Eliana Pilloni, organizzatrice della raccolta fondi, nel testo pubblicato online come se fosse la bambina a parlare in prima persona - per una semplicissima pallina dietro al ginocchio, che mi portava a un'andatura zoppicante, papà e mamma mi portavano all'ospedale Giannina Gaslini per un semplice controllo. Quel controllo diventò il mio incubo. Mio, della mia famiglia e di tutti coloro che mi amano, Conoscenti e non. Sono 9 mesi che lotto contro il sarcoma di Ewing extra osseo, col sorriso, con tutti i supporti, con la mia vitalità e vivacità. Ma dal giorno 28 dicembre, dopo aver effettuato una tac di controllo,il responso è stato devastante. Le metastasi che hanno invaso i miei polmoncini, hanno preso purtroppo il sopravvento. Il Gaslini riferiva a papà e mamma che la terapia dei cicli chemioterapici intrapresa in questi 9 mesi non ha avuto il successo sperato. Puntavano a rimettermi in circolo le mie cellule staminali, ma ciò non sarà possibile, perché appunto le maledette metastasi impediscono questo trattamento. L'alternativa sarebbe quella di vagliare altri pareri medici, altri specialisti, all'estero preferibilmente. Una ricerca di mamma e papà, con l'appoggio e sostegno di amici e parenti, hanno portato ad una opzione: l'Anderson Cancer Center di Houston, in Texas. Un ospedale all'avanguardia per questo maledetto sarcoma. Tentare il tutto e per tutto, per sperare in qualche cura alternativa, per sperare di avere quella notizia che purtroppo in Italia non ho avuto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una raccolta fondi per la piccola Nora di Pegli, affetta da sarcoma di Ewing

GenovaToday è in caricamento