Lunedì, 20 Settembre 2021
Attualità

Autostrade, scatta la sciopero nazionale: 4 ore di stop anche per il Tronco di Genova

Il 22 febbraio i lavoratori incrociano le braccia per chiedere che si tuteli l’occupazione: «Imputabile solo all’azienda»

Lavoratori di Autostrade in sciopero nazionale il prossimo 22 febbraio per protestare contro il piano di assunzioni e stabilizzazioni previsto dall’azienda. Si tratta del secondo sciopero del 2021 dopo quello di gennaio.

Sciopero Autostrade, le modalità

Per quanto riguarda il comparto Esazione e personale turnista, compreso quello sottoposto alla regolamentazione dello sciopero, lo sciopero sarà previsto dalle ore 02,00 alle ore 06,00,  dalle ore 10,00 alle ore 14,00 e  dalle ore 18,00 alle ore 22,00 (i turni spezzati e sfalsati sciopereranno in coincidenza delle fasce orarie sopraindicate).

Invece lo sciopero del personale tecnico/amministrativo sarà previsto nelle ultime 4 ore della prestazione/turno di lavoro

Lo sciopero riguarderà anche il primo Tronco di Genova, con le stesse modalità: «È imputabile esclusivamente all’azienda, che per dirette responsabilità non ha voluto trovare una mediazione accettabile, nonostante gli sforzi e l’impegno messo in campo dalle organizzazioni sindacali - fanno sapere da Fit Cisl Liguria - Aspi ha inteso annunciare un piano industriale velleitario, in un futuro societario ancora incerto, mettendo da subito in evidenza lacune che lo rendono per noi incomprensibile ed inaccettabile nel merito».

«In particolare, dal punto di vista occupazionale, gli  “effetti speciali” prodotti da Aspi che intenderebbe assicurare l’assunzione di 2 mila persone, numero importante, ma assolutamente insufficiente per le reali necessità di esercizio. È fondamentalmente una questione di sicurezza e servizio pubblico - scrivono il segretario generale aggiunto della Fit Cisl Liguria Raffaele Lupia e il coordinatore regionale di Autostrade della Fit Cisl Liguria Giuseppe Sgotti - È impensabile ipotizzare di lasciare le nostre Autostrade senza persone facendo esclusivamente ricorso ed affidamento alla tecnologia»

«Deve essere garantita la necessaria assistenza a tutte le lavoratrici, a tutti i lavoratori ed agli utenti che percorrono la nostra rete - concludono i sindacati - È inaccettabile per noi che venga esclusa la dovuta stabilizzazione dei colleghi precari  che da anni sostengono l’azienda, in attesa di essere legittimamente occupati, assunzioni che devono essere fatte e nel rispetto del Contratto Collettivo Nazionale del Settore. Riteniamo si debbano ricercare le più razionali soluzioni alle problematiche da noi evidenziate. Deve prevalere il senso di responsabilità da parte della l’azienda, noi ci siamo, a tutela delle lavoratrici, dei lavoratori e dell’utenza tutta».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Autostrade, scatta la sciopero nazionale: 4 ore di stop anche per il Tronco di Genova

GenovaToday è in caricamento