Coronavirus, Atlantia dona 1,2 milioni di euro al San Martino

L'ospedale genovese sta realizzando un nuovo laboratorio dedicato alla diagnosi del Coronavirus. Inoltre Autostrade per l'Italia donerà alla Regione Liguria centomila mascherine

Il Consiglio di Amministrazione di Atlantia ha deliberato l'erogazione di donazioni per 5 milioni di euro finalizzate a supportare la gestione dell'emergenza causata dal Covid19, a sviluppare progetti di ricerca, diagnosi e assistenza sanitaria per i cittadini che hanno contratto il virus e a favorire l'impegno di associazioni umanitarie nei confronti delle fasce più deboli della popolazione.

Le donazioni andranno all'ospedale San Martino di Genova e agli ospedali di Roma, oltre a due milioni di euro per la Protezione civile. Il San Martino sta realizzando un nuovo laboratorio dedicato alla diagnosi del Coronavirus, utilizzando strumenti di analisi robottizzati e con una equipe medica specializzata. Il laboratorio avvierà le attività nei prossimi giorni e, una volta a regime, potrà effettuare circa 1000 tamponi ogni giorno. Una volta conclusa l’emergenza, il laboratorio proseguirà le sue attività, specializzandosi nella diagnosi di malattie infettive e causate da agenti altamente patogeni. Atlantia consentirà la realizzazione del laboratorio con un contributo di 1,2 milioni di euro.

Inoltre, la società controllata Autostrade per l’Italia donerà alla Regione Liguria 100.000 mascherine, suddivise tra chirurgiche e tipologia FPP2, così da fornire un contributo alla riduzione del contagio tra la popolazione. Il personale della direzione di tronco di Genova ha già contattato la Protezione Civile regionale ligure per la consegna delle mascherine.

mascherine-3

Di seguito le altre attività e progetti che saranno oggetto di un immediato finanziamento:

  • Protezione Civile: Atlantia metterà a disposizione del Dipartimento di Protezione Civile l’importo di 2 milioni di euro, finalizzato all’acquisto urgente di materiale necessario per la gestione dell’emergenza sanitaria. Le risorse serviranno a mettere a disposizione della popolazione respiratori e ventilatori polmonari, dispositivi di protezione individuale (mascherine, camici, guanti), strumenti per l’allestimento di sale di rianimazione, presìdi medico chirurgici per la sanificazione degli ambienti, bombole d’ossigeno. Le strutture di Atlantia e delle sue società controllate collaboreranno attivamente con la Protezione Civile allo scopo di rendere il più possibile veloce l’acquisizione del materiale sanitario.
  • Raccolta fondi per Protezione Civile: in aggiunta alle risorse stanziate, il management del Gruppo Atlantia (che comprende aziende come Aeroporti di Roma, Telepass, Autostrade per l’Italia) sta effettuando una raccolta fondi, che saranno reperiti tramite la donazione di ferie non godute. L’importo raccolto sarà raddoppiato dalle società di appartenenza e le ulteriori risorse saranno sempre donate alla Protezione Civile.
  • Piattaforma di “intelligenza artificiale” del Policlinico Gemelli di Roma: il Policlinico Gemelli sta sviluppando un laboratorio di Intelligenza Artificiale dedicato alla ricerca medica. Attraverso le risorse messe a disposizione da Atlantia, pari a 1 milione di euro, il laboratorio potrà sviluppare in tempi rapidi una innovativa piattaforma che, basandosi sull’elaborazione dei dati diagnostici del Covid19, sarà in grado di accorciare i tempi di diagnosi, ridurre i tempi di screening, creare sistemi automatici (BOT) in grado di facilitare e ottimizzare il percorso diagnostico. La piattaforma gestirà anche algoritmi di tipo “predittivo”, che consentiranno di individuare in anticipo pazienti con alta probabilità di sviluppare complicazioni gravi da Covid19, segnalando correlazioni non ancora note fra i risultati di diversi esami clinici comunemente prescritti. Questo sistema sarà in continuo aggiornamento, e migliorerà progressivamente il suo potere predittivo con l’acquisizione di dati provenienti anche da dispositivi remoti. Si tratta di una nuova piattaforma di intelligenza artificiale sviluppata nel nostro Paese che, una volta terminata l’emergenza Coronavirus, proseguirà la propria attività di analisi nel campo predittivo, rappresentando un passo strategico nell’evoluzione dei paradigmi di cura progettati dal Policlinico Gemelli per il prossimo futuro.
  • Supporto al nuovo “Covid Hospital” del Policlinico di Roma - Tor Vergata: in accordo con la Regione Lazio, Atlantia supporterà la realizzazione del “Covid Hospital” del Policlinico di Tor Vergata, dove saranno ospitati circa 80 malati di Covid19. Il contributo di 500mila euro sarà impiegato per finanziare una parte dei lavori di ristrutturazione degli ambienti e per l’acquisto delle attrezzature mediche necessarie.
  • Supporto alle attività della Comunità di Sant’Egidio: anche in questa situazione di difficoltà, la Comunità di Sant’Egidio sta proseguendo nel fornire assistenza alle persone maggiormente bisognose. Atlantia ha deciso di contribuire alle meritorie attività caritatevoli della Comunità, mettendo a disposizione l’importo di 300mila euro, che consentirà di acquistare derrate alimentari, mascherine, prodotti igienizzanti, guanti mono-uso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ruba smartphone a mamma con neonato sul bus, poi la prende a pugni

  • Coronavirus, da domenica la Liguria torna in zona gialla

  • Il proverbio di Santa Bibiana, che "prevede" il meteo

  • A 116 km orari in corso Europa: patente ritirata e maxi multa

  • Neve e ghiaccio in autostrada: scattano blocchi e chiusure, la situazione traffico

  • È arrivata la neve: le foto

Torna su
GenovaToday è in caricamento