Allerta rossa, polemica per l'esclusione di Genova. Toti: «Diffamazione»

Dopo la decisione di escludere il capoluogo ligure e Savona dalle zone in massima allerta sono arrivate proteste da parte di chi giudica la scelta opportunista, per salvare il Salone Nautico: il presidente della Regione replica

Scatta l’allerta rossa in Liguria per sabato 3 ottobre, con l’unica eccezione della zona di Genova e della sua costa (la cosiddetta zona B). E proprio la decisione di non includere questa zona nella lista di quelle in allerta massima scatena il dibattito e la polemica politici.

A sollevare la questione è stato il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, che ha replicato seccamente a chi lo ha accusato di avere mantenuto Genova arancione per salvare il Salone Nautico, necessariamente chiuso in caso di allerta rossa. Diversi gli oppositori che hanno criticato la scelta tacciandola di opportunismo, cui Toti ha risposto parlando di “diffamazione”.

«In queste ore sta scattando l’allerta rossa per temporali su tutta la Liguria, tranne Genova e Savona - ha detto il governatore ligure - Chiunque possa anche solo ipotizzare che le zone interessate dall’allerta siano state scelte pensando al Salone Nautico non solo fa insinuazioni imbecilli ma commette anche reato di diffamazione e offende il lavoro dei nostri previsori, che in questi anni con impegno e professionalità ci hanno aiutato a prevenire danni e a tutelare la salute dei cittadini. Rispettiamo il loro lavoro, ricordiamoci di come sono state gestite le allerte in questi anni prima di fare accuse che trovo semplicemente vergognose».

Toti ha poi aggiunto durante il punto stampa dele 12 che il Salone, venerdì, potrebbe comunque chiudere un po' prima: «Abbiamo sentito il presidente di Confindustria nautica Cecchi, ed è possibile che oggi il Salone nautico possa chiudere un po' prima. Come e quando lo si sta valutando in queste ore» ha spiegato, aggiungendo che «tutto ciò potrà determinate anche delle limitazioni al Salone Nautico per gli stand più esposti e per le prove nautiche in mare, anche a causa del vento forte. Questa sera potremo fare valutazioni ancora più precise. L’appello è quello di prestare la massima attenzione».

Arpal, dal canto suo, ha spiegato la scelta di escludere Genova e Savona dall’allerta rossa: «L’allerta arancione per temporali è il massimo grado di allertamento, e segnala effetti al suolo anche molto gravi, benché riferiti a porzioni limitate del territorio - spiegano i previsori della Regione -  L’allerta rossa invece segnala analogamente effetti al suolo molto gravi, ma su porzioni estese di territorio. E le valutazioni di oggi - come sempre - tengono conto della conformazione della Liguria, delle precipitazioni che si sono già verificate e delle previsioni di quello che potrebbe accadere nelle prossime ore».

Arpal prosegue poi illustrando nel dettaglio le motivazioni alla base delle modalità di allerta: «La Liguria è suddivisa in bacini piccoli, medi e grandi. I piccoli e medi entrano in crisi con le precipitazioni molto intense, ma brevi (1-2 ore); i grandi su precipitazioni che si protraggono su territori ampi per più ore/giorni. L’area B, quella di Genova e Savona, è l’unica a non avere bacini grandi. Le piogge delle scorse ore hanno saturato i bacini soprattutto del centro levante, nelle zone C ed E, dove si sono già verificati importanti innalzamenti negli alvei: in queste zone nuove precipitazioni anche non particolarmente intense potrebbero dare risposte immediate».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«La previsione - conclude Arpal - vede il passaggio del fronte da ponente verso levante, con una prima fase temporalesca molto attiva in particolare a ponente, in un contesto di piogge diffuse, causate soprattutto dallo scirocco che insiste sui monti del ponente, dove potrebbe piovere per molte ore consecutive.  Le valutazioni di vento e mare, pur essendo previste condizioni di burrasca forte e mareggiata intensa, non concorrono alla definizione dello scenario di allerta idrogeologica, secondo quanto richiesto dalle procedure nazionali».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, possibile "mini lockdown" in tutta Genova: «I contagi crescono ovunque»

  • Covid, coprifuoco a Genova dalle 21 alle 6: ecco cosa si può (e non si può) fare

  • Covid, tutta Genova diventa zona "ad alta attenzione": firmata la nuova ordinanza

  • Incidente a Quezzi, arrestato il pirata della strada

  • Coronavirus, Liguria 'chiusa' per tre notti

  • Covid, sui social le foto dei pronto soccorso "vuoti". Personale esasperato: «Venite a vedere le code»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento