rotate-mobile
Sabato, 13 Agosto 2022
Attualità

L'Acli lancia una raccolta fondi online: obiettivo un "Bar sopra il mare" per i giovani genovesi

Per realizzare un punto di incontro per i giovani fragili di Genova in Valpolcevera

Riappropriarsi degli spazi urbani offrendo nuovi servizi e opportunità: questo è l'obiettivo della campagna di raccolta fondi online promossa da Acli anche a Genova.

A seguito della pandemia e dei mesi di lockdown, infatti, molte aree cittadine - e, in particolare, quelle più periferiche - hanno subito un ulteriore impoverimento, facendo emergere nuove problematiche e amplificando le criticità già esistenti. Da qui, la decisione di Acli di sostenere progetti che mirassero a riappropriarsi degli spazi comuni, facendoli rivivere grazie a iniziative volte a favorire la partecipazione comunitaria.

Le Acli di Genova - in particolare - puntano sul crowdfunding per realizzare un "bar sopra il mare" per i giovani, uno spazio di aggregazione con terrazza e tanto spazio verde situato su una collina stretta in mezzo a due zone della città complesse, che ospitano quartieri popolari. Il progetto è rivolto ai giovani più fragili che, grazie a questa iniziativa, avranno un’opportunità in più per avvicinarsi al mondo del lavoro e sviluppare autonomia e nuove competenze.

Un luogo ispirato a "Il bar sotto il mare" di Stefano Benni

Il nome prende ispirazione da "Il bar sotto il mare" di Stefano Benni: "Vogliamo creare un luogo fantastico, un incredibile bar, un 'Bar sopra al mare' - spiegano le Acli genovesi - in uno spazio che si trova in alto, sopra le due zone abitate, e, per l’appunto, ben oltre le abitazioni, che guarda il mare, con lo sguardo verso un futuro di speranza aperto alle opportunità. Pensiamo ad un luogo un po’ speciale, in cui i ragazzi del quartiere potranno portare le proprie difficoltà scolastiche e sociali, le proprie paure per affrontarle insieme e non arrendersi. Un luogo dove potranno incontrare altri ragazzi, organizzare attività, chiacchierare, giocare, ascoltare musica, vedere insieme video e film, avere accesso a libri e fumetti". Tanti tavolini per sedersi, bere bibite, condividere risate e stare insieme, un posto accogliente per i ragazzi in primis ma anche per gli anziani, con l'intenzione di organizzare attività strutturate come supporto scolastico, incontrare esperti e allestire laboratori.

Il progetto nasce dall’esigenza del Circolo Acli di Solidarietà della Costa di Rivarolo di mettersi in rete con altre organizzazioni locali per essere d’aiuto alle esigenze del territorio, che sono tante e che hanno evidenziato il bisogno di andare incontro ai giovani adolescenti, in quella fascia d’età in cui la socialità sana può essere un supporto importante per crescere bene.

Obiettivo 10mila euro

"Noi abbiamo scelto - concludono le Acli genovesi - di aver cura dei giovani adolescenti, ragazzi e ragazze che sono in quella fascia di età in cui stare con gli amici, avere un luogo di riferimento dove far cose insieme è essenziale e, a volte, può anche cambiare un destino e dare un nuovo corso alla vita". 

Le Acli tramite la raccolta fondi incentrata su Genova si sono poste l'obiettivo di arrivare a 10mila euro per tettoie, sedie, tavolini e angolo bar, pitture e arredi vari, strumenti per il gioco e la socialità e attrezzature tecniche di supporto come pc, stampante e videoproiettore.

Il circolo, per questo progetto, ha incontrato l'interesse di Agorà Coop Sociale, associazione "Don Lino ai Broxi", Comunità di Sant'Egidio Liguria. Il "bar" avrà il supporto dei Servizi sociali del Comune di Genova.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Acli lancia una raccolta fondi online: obiettivo un "Bar sopra il mare" per i giovani genovesi

GenovaToday è in caricamento