menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Corteo e corone, anche Genova celebra il 25 Aprile

Cittadini, associazioni e istituzioni commemorano il 73esimo anniversario della Liberazione d'Italia: la Superba è l'unica città europea in cui i tedeschi si arresero ai partigiani

Anche Genova celebra il 73esimo anniversario della Liberazione d’Italia dal regime nazifascista, e lo fa con l’ormai tradizionale appuntamento che comprende le deposizioni di corone in varie zone della città, i cortei e la cerimonia finale in piazza Matteotti.

Alle celebrazioni, iniziate alle 8 al cimitero di Staglieno, prendono parte gran parte delle istituzioni cittadine, tra cui il sindaco Marco Bucci e il governatore ligure Giovanni Toti. L’orazione commemorativa finale è affidato a Dario Venegoni, presidente nazionale dell’Associazione ex deportati nei campi nazisti.

A Staglieno sono state deposte corone al campo campo israelitico, ai monumenti dedicati agli internati e ai deportati nei lager nazisti, al sacrario Trento e Trieste e al campo dei Caduti Partigiani, dove è stata celebrata una messa in suffragio. La commemorazione è proseguita quindi alle 10 con un raduno in piazza della Vittoria, da dove un corteo accompagnato da esecuzioni della Filarmonica Sestrese è partito alla volta del Ponte Monumentale per la deposizione di altre corone al sacrario dei caduti partigiani e le letture della motivazione della Medaglia d’Oro al Valor Militare alla Città di Genova e dell’Atto di Resa delle truppe tedesche.

Fischi a Toti e Bucci

Il corteo si è quindi spostato in largo Pertini per deporre altre corone, e intorno alle 11 ha raggiunto piazza Matteotti per l’orazione finale. Non senza qualche attimo di tensione e imbarazzo, quando il sindaco Marco Bucci e il governatore ligure Toti sono stati fischiati da un gruppo di persone presenti in piazza.

In difesa del sindaco, che ha più volte chiesto rispetto accusando i contestatori di «rovinare la festa di oggi» e rifiutandosi di proseguire con il suo discorso, è intervenuto Massimo Bisca, presidente provinciale dell’Anpi, che ha invitato i partecipanti a mantenere toni più pacati: «Arrigo Boldrini diceva “Ci siamo battuti per chi c’era, per chi non c’era e per chi era contro di noi”: questa è la lotta del 25 Aprile, questa è la democrazia», ha tuonato Bisca, lasciando poi nuovamente il microfono a Bucci.

Scena molto simile per Toti (che già in passato era stato fischiato durante le celebrazioni), che ha sottolineato l'importanza di poter manifestare liberamente: «Siamo qui oggi per festeggiare la festa della Liberazione, e celebrare la Repubblica e le istituzioni - ha detto Toti, mandano gli auguri della città e della Regione al presidente emerito Giorgio Napolitano, colto da malore martedì sera e operato d’urgenza a Roma - Il bello del 25 Aprile e della democrazia è che io posso stare qui a parlare e voi potete stare lì a fischiarmi e non succede niente».

A Matteotti la cerimonia per il 25 Aprile, contestati Bucci e Toti: il video

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La storia della Liberazione di Genova

Era la notte tra il 23 e il 14 aprile 1945 quando il Comitato di Liberazione Nazionale della Liguria e il Comando Militare Regionale, riuniti, decisero l’inizio dell’insurrezione. Le operazioni militari per la liberazione della città iniziarono la mattina successiva e il Cln regionale assunse di fatto le funzioni di governo, avviando trattative con il comando tedesco di Genova e i vertici locali della Resistenza per evitare ulteriori morti e feriti. 

La sera del 25 aprile 1945, dunque, il generale tedesco Gunther Meinhold firmò l’atto di resa a Villa Migone, a San Fruttuoso, facendo entrare Genova nella storia: quando le truppe alleate vi arrivarono, due giorni dopo, trovarono la città non solo già liberata, ma anche in condizioni di vita quasi normali, con i tram che circolavano e le case illuminate. E la Superba divenne l’unica città europea in cui un’armata tedesca si arrese a formazioni partigiane.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Genova usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus, Bassetti: «È iniziata terza ondata, temo farà male»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento