rotate-mobile
Animali Multedo / Via Monte Contessa

Tantissimi pitbull in canile, il grido di allarme del Monte Contessa: "Nell'ultimo mese ne sono entrati 14"

Il canile conta 156 cani, con 14 pitbull entrati solo nell'ultimo mese: "E il 90% di loro verrà abbandonato in canile: passeranno da avere una famiglia e una casa ad avere un box e vivere nella solitudine" è il grido di allarme dei gestori del Monte Contessa

Quattordici pitbull (o simili) entrati solo nell'ultimo mese, quasi uno ogni due giorni: è l'ultimo dato della situazione già molto difficile che si trova a dover affrontare il canile Monte Contessa. Gli abbandoni sono in aumento e, tra i numeri in crescita, ci sono anche quelli di cani "morsicatori".

"Ogni giorno entra un pitbull definito caratteriale, morsicatore, a volte entra sedato perchè sta mettendo in pericolo la vita di persone - spiega il personale con un lungo sfogo sui social -. Ma quanti di questi cani sono veramente un pericolo per l'uomo? Quanta ignoranza c'è ancora nell'adottare o nel comprare un cane di questa razza? Il pitbull è un cane per tutti?".

Ogni due giorni arriva un pitbull in canile

Il canile conta 156 cani (su 90 stalli, ndr), con 14 pitbull entrati solo nell'ultimo mese, praticamente uno ogni due giorni: "E il 90% di loro verrà abbandonato in canile: passeranno da avere una famiglia e una casa ad avere un box e vivere nella solitudine. Poi diventeranno invisibili e moriranno in canile".

E questo, denuncia l'associazione Una che gestisce il canile, sarà anche il destino di moltissimi cuccioli di pitbull che stanno nascendo in questi giorni "nelle case di qualche 'scucciolatore' seriale. Cucciolate casalinghe a volte tra consanguinei, a volte tra cani malati, a volte tra soggetti poco equilibrati".

Le adozioni consapevoli

Gli stessi cuccioli di cui parlavano prima gli operatori possono ispirare subito simpatia e tenerezza in chi è alla ricerca di un amico a quattro zampe da adottare, ma sempre dal Monte Contessa arriva un monito: "Molti ci criticano perché rendiamo lunghissimi i percorsi conoscitivi, altri pseudo adottanti ci mollano subito alla prima richiesta di un percorso conoscitivo più lungo e impegnativo. Molti ci deridono perché non facciamo adottare il cagnolino morsicatore tanto carino e simpatico. Non ci fermeremo e andremo avanti con la nostra battaglia nel professare le adozioni consapevoli".

La proporzione tra arrivi e uscite che non regge

Dell'allarme degli abbandoni in aumento se n'è occupato di recente anche il consiglio comunale, dopo un altro appello dei gestori lanciato a inizio marzo: "Per quanto il personale stia portando avanti un ottimo lavoro sul fronte delle adozioni - aveva detto l'assessora agli Animali Francesca Corso - questa proporzione tra arrivi e uscite non regge, anche perché molti cani sono complicati, sono adulti e dunque non sono la prima scelta di chi vuole adottare, e abbiamo anche morsicatori di livello 3, considerati quasi irrecuperabili".

Tra le ipotesi passate in rassegna dall'amministrazione, il trasferimento di alcuni cani - almeno i più difficili - in strutture di altre regioni con anche comportamentalisti, ma non è semplice perché spesso sono sature. Oppure un eventuale ampliamento di Monte Contessa. Soluzioni volte a gestire l'emergenza, mentre per prevenire gli abbandoni o le rinunce il capitolo da aprire si profila più lungo e delicato.

Continua a leggere le notizie di GenovaToday, segui la nostra pagina Facebook e iscriviti al nostro canale WhatsApp

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tantissimi pitbull in canile, il grido di allarme del Monte Contessa: "Nell'ultimo mese ne sono entrati 14"

GenovaToday è in caricamento