Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Riapre Villa Pallavicini: dalle camelie in fiore ai restauri del Chiosco delle Rose e del Parco dei Divertimenti

L'intervista alla direttrice, architetto Silvana Ghigino

 

Otto ettari di ossigeno affacciati sul mare. In tempi di coronavirus, una vera e propria oasi. Riapre villa Durazzo Pallavicini a Pegli con la fioritura delle "signore" camelie e gli eventi delle prossime stagioni, fino ad ottobre.

E quest'anno, il romantico giardino restituisce alla cittadinanza due importantissimi restauri: il Chiosco delle Rose con i famosi giochi d'acqua e la nuova "camera segreta" e, ancora in cantiere, il parco dei divertimenti con le due giostre e la capannetta anche grazie al contributo e il sostegno dei FAI (Fondo Ambiente Italiano) e di Intesa San Paolo. 

L’intervento al Chiosco delle Rose riguarda il padiglione di ferro battuto che contiene al suo interno una stanza a cielo aperto perimetrata da una boiserie in legno a piccole persiane. La stanzetta, caratterizzata da un prezioso pavimento in sassi bianchi e neri di mare grandi come un confetto, è il luogo nel quale si realizzano i primi giochi d’acqua dell’Esodo, divenuti famosissimi nell’ottocento e ripristinati l'anno scorso. Il restauro del Parco dei Divertimenti punta, invece, a restituire le sue giostre in ferro e ghisa, la capanna a due tetti e la sistemazione a verde dell’area.

«Organizzeremo delle vistite specialistiche a questi luoghi», spiega l'architetto e direttrice di Villa Pallavicini, Silvana Ghigino.  «Per far funzionare sotto gli occhi di tutti una delle due giostre che io ho provato e che, con tutto il suo fascino e la sua eleganza, mi ha sollevato da terra fino al punto che vedevo il mare, la Lanterna e Portofino».

Da marzo ad april, però, occhi puntati sul camelieto storico, con oltre 150 esemplari, molti dei quali arborei, piantati quando fu realizzato il parco, attorno al 1850. È una delle collezioni più antiche d'Italia. Tra le più rare la "Nina Durazzo", dedicata a un'esponente della nobile famiglia genovese, presenta fiori doppi, di colore bianco perla con striature rosa, e petali disposti a spirale.

Potrebbe Interessarti

Torna su
GenovaToday è in caricamento