Sampdoria chiamata a reagire, a Marassi arriva il Sassuolo

La squadra di Atzori strappa a Verona un pareggio e lascia l'amaro in bocca all'ambiente. Ora i giocatori devono reagire e mettere in cantina punti

La Samp è davvero tutta qui? E' possibile che la squadra da tutti additata come ammazza- campionato possa andare a Verona e accontentarsi di un “brodino caldo” che, tra l'altro, fa felice più i blucerchiati che i pimpanti cugini veronesi?

Atzori tuttavia ostenta tranquillità, la squadra sembra essere dalla sua parte, i comportamenti visti a Verona soprattutto dopo il rigore (discutibile) trasformato da Pozzi non lasciano spazio a dubbi, smentendo le voci di un possibile esonero.

Dopo la sconfitta casalinga con i rivali granata era necessario in ogni caso ripartire, la lezione presa sembra essere quantomeno servita, la squadra negli ultimi minuti a Verona si è chiusa accontentandosi del punto, dimostrando se non altro maturità.

Ma l’altro lato della medaglia dice una verità che lascia riflettere, i blucerchiati sono chiamati a dare di più, a fare la partita in tutti i campi e in tutte le situazioni, come impone il tasso tecnico.

La squadra è caduta di nuovo in balia delle solite paure, apparsa lenta e impacciata nella manovra. Accontentarsi, come detto prima, non può bastare per un campionato di vertice.

I molti cambi visti in formazione a Verona potrebbero essere un toccasana per i cosiddetti titolari in vista della partita, in questo turno in versione domenicale,c ontro il Sassuolo. Si dovrà ricominciare a correre, in casa il bilancio è decisamente in rosso, Palombo e soci sanno che non possono più sbagliare, si dovrà acquisire una regolarità mai vista prima d’ora, altrimenti raggiungere il Torino o chi per esso, già distante sette punti, rimarrà una chimera.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoranti di Genova proposti dalla Guida Michelin 2020

  • Coronavirus, c'è un secondo caso alla Spezia

  • Referendum per il taglio dei parlamentari: come e quando si vota

  • Coronavirus, guardia alta anche in Liguria: la Regione attiva sindaci e medici di famiglia

  • Pentema diventa un set per il film "Mondi Paralleli"

  • Coronavirus, Viale: «Negativi i test sulle persone esaminate al San Martino»

Torna su
GenovaToday è in caricamento