La leggenda dei sabba delle streghe tra Mignanego e Savignone

Secondo antiche storie popolari, le streghe si radunavano nell'entroterra per scambiarsi segreti, formule, consigli e antichi riti come la perlengoeia

Si narra, secondo antiche leggende, che l'entroterra della Liguria fosse un luogo particolarmente adatto - con i suoi boschi e le sue località isolate - ai raduni delle streghe, che si riunivano di notte, specie con la luna piena, per lanciare i loro incantesimi e ballare intorno al fuoco nell'ambito dei famosi sabba che si svolgevano soprattutto durante la notte di San Giovanni.

Uno di questi luoghi si trova poco lontano da Mignanego, nella frazione di Montanesi, per la precisione nella piccola contrada di Canà. Ma anche Savignone era famosa. In questi luoghi, si diceva, si radunavano le streghe per scambiarsi segreti, consigli, e le ricette delle famose "pozioni" con cui poi curare i malanni, o con cui attirare fortuna o malasorte, un po' come se fossero veri e propri convegni. 

Alcuni di questi riti, come la perlengoeia, magia naturale, vengono ancora praticati dai più superstiziosi.

Potrebbe interessarti

  • Forbes: «8 posti in cui mangiare da non perdere in Liguria (con relative specialità)»

  • Manhattan scopre la focaccia di Recco: «Una tentazione eccezionale»

  • Cenare sulla spiaggia: 4 ristoranti a Genova e dintorni per mangiare a due passi dalle onde

  • Il compositore Richard Wagner: "Non ho mai visto nulla come Genova"

I più letti della settimana

  • Tragedia a Busalla, donna incinta trovata morta in casa

  • Superenalotto, in Liguria un'altra vincita

  • Forbes: «8 posti in cui mangiare da non perdere in Liguria (con relative specialità)»

  • Manhattan scopre la focaccia di Recco: «Una tentazione eccezionale»

  • Assalto al pulmino della gita per riprendersi il figlio

  • Cenare sulla spiaggia: 4 ristoranti a Genova e dintorni per mangiare a due passi dalle onde

Torna su
GenovaToday è in caricamento