Il proverbio genovese: cosa fa chi "nasce mulo"?

È un simpatico modo di dire in dialetto per definire il destino di una persona senza molto sale in zucca: chi nasce mulo, non può far altro che tirare calci

Quante volte abbiamo detto, o pensato, che se una persona non ha molto sale in zucca non c'è molto da fare per rimediare? Insomma, cosa può fare uno che, per definizione, è un vero e proprio asino?

Esiste un simpatico proverbio molto diffuso in Liguria che spiega alla perfezione il destino di chi "nasce mulo". Che altro può fare, poi, nella vita, se non tirare calci?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E dunque, la saggezza popolare è servita, e il proverbio è conosciuto soprattutto nella sua variante in dialetto: "Chi nasce mû, tîa di câsci". Tradotto: inutile cercare di cambiare le persone, chi nasce mulo, tira calci.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade nel fiume e batte la testa, muore nel trasporto in ospedale

  • Spesa da 150 euro all'Ipercoop, ma cerca di uscire pagandone solo 10

  • Le Frecce Tricolori martedì a Genova: quando e da dove vederle

  • L'uomo più anziano della Liguria compie 108 anni

  • Incidente in Sopraelevata, grave scooterista: traffico bloccato

  • Coronavirus, solo 17 nuovi contagi nelle ultime ore

Torna su
GenovaToday è in caricamento