"Maniman", una parola genovese utilizzatissima: ma cosa vuol dire?

Da dove arriva questa strana parola che viene usata soprattutto per dire "non si sa mai" o "non sia mai"?

Chi abita a Genova o dintorni non può non aver mai sentito la parola "maniman", inserita un po' ovunque. Un vero e proprio intercalare per chi parla abitualmente un po' di dialetto, ma cosa vuol dire, e da dove arriva?

In genere "maniman" viene utilizzato al posto di "non si sa mai" o "non sia mai", tradisce il classico atteggiamento di diffidenza e prudenza genovese, e a volte viene inserito nelle frasi in forma ironica. «Maniman ti stanchi!», ad esempio, è la classica esclamazione rivolta a una persona che non ha voglia di lavorare. Ma, lasciando da parte l'umorismo, una frase come «prendi l'ombrello, maniman piove» indica la legittima preoccupazione di qualcosa che potrebbe effettivamente verificarsi.

Letteralmente, secondo alcuni studi, maniman significa "mano a mano", "gradualmente", con il tempo è stato utilizzato anche al posto di "va a finire che" fino ad arrivare al significato attuale "non si sa mai che".

Potrebbe interessarti

  • La leggenda dell'isola di Bergeggi

  • Perché San Giovanni Battista è il patrono di Genova?

  • Ristoranti, vita notturna e shopping: così il Guardian promuove Genova

  • La leggenda del ponte dei suicidi a Carignano

I più letti della settimana

  • Alla Fiumara apre un nuovo negozio

  • Cibo mal conservato, chiuso ristorante

  • Accoltella un uomo alla gola, fermato da poliziotta "cintura nera"

  • Resta bloccata in un parcheggio e sfonda il cancello con l'auto

  • La leggenda dell'isola di Bergeggi

  • Perché San Giovanni Battista è il patrono di Genova?

Torna su
GenovaToday è in caricamento