Sampierdarena: la leggenda della statuina arrivata dal mare e del Santuario di Coronata

Secondo questo racconto, l'episodio miracoloso, verificatosi nel 1100, è all'origine della costruzione del santuario

Tutti i genovesi conoscono il santuario di Nostra Signora Incoronata, che si trova a Coronata, ma come mai questa chiesa venne eretta?

Bisogna tornare indietro nel tempo, addirittura al 1100: secondo la leggenda, in una notte d'estate, alcuni pescatori stavano lavorando sulla spiaggia di Sampierdarena per preparare le reti.

A un certo punto videro una luce in mare, dapprima al largo, poi sempre più vicina. Iniziò ad ingrandirsi sempre di più, man mano che si avvicinava alla riva, emanando scintille colorate, uno spettacolo davvero impressionante e meraviglioso che fece rimanere i pescatori a bocca aperta.

Le onde spinsero l'oggetto misterioso fino a riva: era la polena di una nave, una statua di legno sopravvissuta a qualche naufragio, che raffigurava la Madonna con il Bambino. I pescatori la raccolsero e la misero all'interno della propria chiesa, ma il giorno dopo - e poi ripetutamente anche nei giorni seguenti - la ritrovarono sopra un grande castagno vicino alla chiesetta di San Michele, a Coronata. Questo fatto, ritenuto miracoloso, spinse la popolazione a costruire un santuario più grande, dedicato proprio alla Madonna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoranti di Genova proposti dalla Guida Michelin 2020

  • Coronavirus, guardia alta anche in Liguria: la Regione attiva sindaci e medici di famiglia

  • Referendum per il taglio dei parlamentari: come e quando si vota

  • Pentema diventa un set per il film "Mondi Paralleli"

  • Coronavirus, Viale: «Negativi i test sulle persone esaminate al San Martino»

  • Ladro entra in casa nella notte: 17enne difende la sorellina e lo mette in fuga

Torna su
GenovaToday è in caricamento