Largo San Giuseppe e il diavolo, la leggenda della "creuza do diao"

Nel '500 i cittadini, dopo aver visto strane ombre e sentito urla agghiaccianti, cominciarono a credere che il demonio abitasse in quella zona

Tra piazza Piccapietra e la galleria Mazzini - in pieno centro a Genova - si trova largo San Giuseppe, un piccolo piazzale con una fama sinistra: è infatti soprannominato "creuza do Diao", strada del diavolo.

Questa nomea deriva da un'antica leggenda ambientata nel '500: a quell'epoca infatti quasi nessuno osava avventurarsi in largo San Giuseppe soprattutto di notte perché si narrava che, chi vi passasse, sentisse urla, gemiti, e intravedesse strane ombre tra gli alberi e le case. Visioni terribili che spaventavano i cittadini e che avevano portato a credere che in quella strada ci abitasse il diavolo in persona.

La leggenda però non era destinata a durare: con il tempo si scoprì che le ombre erano create da alcuni "burloni" armati di lenzuola e catene.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, c'è un secondo caso alla Spezia

  • Apre nuovo centro per anziani a Genova, 50 assunzioni

  • Schianto mortale a Pra', lutto per la scomparsa di Luca

  • Coronavirus, altri casi in Liguria: sono 16 in totale

  • Curiosità sui quartieri di Genova: perché Quarto e Quinto si chiamano così?

  • Coronavirus, guardia alta anche in Liguria: la Regione attiva sindaci e medici di famiglia

Torna su
GenovaToday è in caricamento