Dialetto curioso: cos'è la "ca do diao"? E la "ca da pèsta"?

Entrambi i modi di dire vengono utilizzati per descrivere posti molto lontani

Quando un luogo è davvero molto lontano, si dice che è "a casa del diavolo".

E anche a Genova esiste un modo di dire molto simile: la traduzione in dialetto è esattamente "ca do diao".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma esiste anche un'altra variante in genovese: anziché casa del diavolo, un posto molto lontano, complicato da trovare e magari anche abbandonato, insomma, "impestato", diventa "ca da pèsta", cioè casa della peste, difficile e sgradevole da raggiungere proprio come un lazzaretto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autostrade, scatta la gratuità del pedaggio su alcune tratte

  • Doppio tampone negativo, torna in Rsa e contagia 29 persone

  • Marijuana per tutti i gusti, giovane in manette a Sestri

  • Bimba rimane chiusa in auto. Genitori: «È nuova, non sappiamo aprirla»

  • Trovato senza vita Andrea Calabrese, era scomparso da una settimana

  • Coronavirus, l’infettivologo Bassetti: «Primo tempo sta per finire, prepariamoci al secondo»

Torna su
GenovaToday è in caricamento