Dialetto curioso: cos'è la "ca do diao"? E la "ca da pèsta"?

Entrambi i modi di dire vengono utilizzati per descrivere posti molto lontani

Quando un luogo è davvero molto lontano, si dice che è "a casa del diavolo".

E anche a Genova esiste un modo di dire molto simile: la traduzione in dialetto è esattamente "ca do diao".

Ma esiste anche un'altra variante in genovese: anziché casa del diavolo, un posto molto lontano, complicato da trovare e magari anche abbandonato, insomma, "impestato", diventa "ca da pèsta", cioè casa della peste, difficile e sgradevole da raggiungere proprio come un lazzaretto.

Potrebbe interessarti

  • La curiosità: la moglie di Oscar Wilde è sepolta a Genova

  • La leggenda dei sabba delle streghe tra Mignanego e Savignone

  • Il compositore Richard Wagner: "Non ho mai visto nulla come Genova"

  • Il fantasma "maleducato" delle Mura dello Zerbino

I più letti della settimana

  • Tragedia a Busalla, donna incinta trovata morta in casa

  • Weekend lungo di Ferragosto a Genova e provincia: fuochi d'artificio, sagre, cultura e tanto altro

  • Scossa di terremoto avvertita anche in Liguria

  • Pensionata scomparsa da Sampierdarena, ritrovata dopo 24 ore di ricerche

  • Litigio tra ubriachi sulla spiaggia di Voltri, paura tra i bagnanti

  • Tentata rapina a Bolzaneto, giovane turista accoltellata davanti al figlio

Torna su
GenovaToday è in caricamento