Stipendi politica, Doria tra i più "poveri" d'Italia: 7369 euro al mese

Il Consiglio Comunale di Genova fornisce i dati relativi agli stipendi di Sindaco e consiglieri e attacca: «I sindaci di città più piccole di Genova, e con meno abitanti prendono di più rispetto a Doria»

Genova – Uno stipendio da 4000 mila euro netti al messi, 7369 lordi. Questo quanto guadagna il sindaco di Genova Marco Doria, dato riportato dallo Statistico del Consiglio Comunale e sottolineato dai consiglieri comunali per una cifra considerata “esigua” in confronto ai “colleghi” delle altre città. Parlando di cifre lorde, a Bari e Bologna i sindaci guadagnano 9.580 euro, 7580 a Firenze, 9124 a Roma, 9123 a Torino e 10.099 a Palermo.

«I sindaci di città più piccole di Genova, e con meno abitanti rispetto alla Lanterna, prendono di più rispetto al nostro sindaco» sottolinea il presidente del Consiglio Comunale, Giorgio Guerello. Certo, come dargli torto, si tratta di uno stipendio inferiore rispetto ai pari “poltrona”, ma in tempi di crisi sembra un’uscita quanto mai fuori luogo.

In ogni caso, dati alla mano, anche la singola presenza del consigliere comunale a Tursi è “sottopagata”: 97,61 euro contro i 120,85 di Milano, i 156,87 di Palermo e i 120 euro di Torino. Meno guadagnano a Bari e Bologna (72,96 euro) e Firenze (92 euro).

Infine ogni assessore del Comune di Genova guadagna 4.790 euro lordi al mese, contro i 6.227 euro degli assessori di Bari, i 6.227 di quelli di Bologna, i 4.927 degli assessori di Firenze e i 5.930 euro degli assessori di Milano. Che dire: poverini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alberto Angela racconta Genova: ecco quando andrà in onda la puntata delle "Meraviglie"

  • Tragico schianto in via Siffredi, muore 27enne

  • Tragico malore sul bus, muore 38enne

  • Scalinata Borghese restituita alla città: ecco com'è diventata

  • "Gelatina" di Genova è la migliore gelateria emergente d'Italia per Gambero Rosso

  • Schianto in via Siffredi, il giallo sulla morte di Burim

Torna su
GenovaToday è in caricamento