Sardine, in Liguria un treno dei diritti

Durante l'incontro al teatro della Tosse, il secondo organizzato dalle Sardine a Genova dopo la manifestazione di fine novembre, è stato presentato il nuovo progetto

Duecento persone circa hanno partecipato ieri sera al Teatro della Tosse di Genova a 'L'acquario delle idee', laboratorio aperto alla cittadinanza e secondo incontro pubblico organizzato dalle Sardine di Genova dopo la grande manifestazione del 28 novembre scorso nel capoluogo ligure.

«Noi siamo inclusivi - ha spiegato uno degli organizzatori, l'avvocato Alessandra Ballerini - quindi parliamo a tutti quelli che hanno qualcosa da dire che sia nel binario dell'uguaglianza, dell'antifascismo, dell'anti-discriminazione e va da sé che alcuni si escludono da soli».

«Questo è un cantiere - aggiunge Ballerini - dopo vedremo il da farsi. Se saranno possibili incontri con i candidati? Sì, non solo per discutere ma anche per ricevere idee». Sul palco è stato presentato anche il progetto del treno dei diritti che attraverserà il territorio da Ventimiglia a Sarzana, il prossimo 1 marzo.

«Noi parliamo con tutti, non bisogna cadere nell'idea di dover parlare con qualcuno che ci somiglia, se davvero ci somiglia. Bisogna educare e rieducare noi stessi e altri e questa è una responsabilità collettiva al di là della posizione ideologica». A dirlo all'Adnkronos è Si Mohamed Kaabour, uno dei referenti delle Sardine genovesi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, c'è un secondo caso alla Spezia

  • Apre nuovo centro per anziani a Genova, 50 assunzioni

  • Coronavirus, altri casi in Liguria: sono 16 in totale

  • Referendum per il taglio dei parlamentari: come e quando si vota

  • Coronavirus, guardia alta anche in Liguria: la Regione attiva sindaci e medici di famiglia

  • Pentema diventa un set per il film "Mondi Paralleli"

Torna su
GenovaToday è in caricamento