Nomine cda Iren, in lista c'è il direttore di Amiu: polemica in consiglio comunale

Il sindaco Bucci ribadisce: «È persona competente, orgoglioso delle scelte che ho fatto. Amiu rimarrà pubblica»

È polemica in consiglio comunale sull'inserimento del direttore di Amiu, Tiziana Merlino, nella lista dei candidati al cda di Iren proposta dal Comune di Genova.

Proprio per il suo incarico in Amiu, molti i consiglieri che hanno protestato: «Amiu sarebbe dovuta rimanere pubblica - ha attaccato per primo Luca Pirondini, M5S - qualche mese fa l'amministrazione ha chiesto al consiglio di cedere azioni ad Iren, poi di acquistare azioni di Iren capovolgendo la propria visione in pochi mesi. Adesso il direttore generale di Amiu entrerebbe nel consiglio di amministrazione Iren, che è vero che ha dei Comuni tra i suoi soci, ma si comporta esattamente come un'azienda privata, è quotata in borsa e ha il dovere di creare il massimo profitto per i suoi azionisti. Dopo questa mossa, Amiu rimarrà pubblica? Inoltre c'è conflitto di interessi: Amiu dovrebbe ottimizzare la raccolta differenziata e non aver bisogno di Iren. E se si facesse una gara pubblica per realizzare gli impianti di cui c'è bisogno, Iren non potrebbe partecipare avendo nel cda il direttore generale di Amiu, arriverebbe una pioggia di ricorsi. Che strategia c'è dietro a questa mossa?»

Anche per Alessandro Terrile, Pd, c'è conflitto di interessi e mancanza di chiarezza dietro a questa scelta: «Sono due aziende concorrenti, e Iren si è anche molto rafforzata nel territorio ligure con acquisizioni a Savona e La Spezia. Amiu deve costruire impianti, Iren no perché li ha già, e ha interesse che vengano utilizzati i suoi fuori Genova. Per quanto riguarda la scelta di Merlino, se il sindaco rivaluta l'aggregazione dovrebbe dirlo». 

Per Paolo Putti, Chiamami Genova, c'è anche un altro fattore: «Tra gli altri nomi proposti dal Comune leggiamo quello di Pietro Paolo Giampellegrini, segretario regionale di Regione Liguria. Il Comune sta diventando succube della Regione, come nel ciclo precedente, con il sindaco Doria e il presidente Burlando. Mi aspettavo nomine più coraggiose e indipendenti». È un elemento di preoccupazione anche per Enrico Pignone, Lista Crivello: «Il baricentro, nel piano industriale di Iren, non è rappresentato dal Comune ma dalla Regione, che ha interessi e fabbisogni diversi».

«In questi anni non abbiamo osservato una grande azione politica, bensì uno stallo totale - conclude Cristina Lodi, Pd, parlando di Merlino -. Questa persona è venuta in aula a parlare di strategie, ma ancora oggi Genova smaltisce i rifiuti fuori perché a Scarpino tornano pretrattati, con un costo enorme per i cittadini e l'azienda che ha fatto grossi passi indietro».

Dopo gli interventi dei consiglieri, la replica del sindaco Marco Bucci che ha chiarito fin da subito la ferma intenzione di voler mantenere Amiu pubblica. «L'azienda è pubblica e rimane pubblica, su questo non ci piove. Stava per fallire quando ero in campagna elettorale, oggi fa profitti, ha assunto dipendenti, sta andando avanti bene, e il Comune è l'azionista numero uno di Iren. Per quanto riguarda il passaggio affrontato dal consiglio per la vendita e l'acquisto di azioni, sappiamo che Iren è a metà tra pubblico e privato e le normative sono di difficile interpretazione: c'è sempre il pericolo di aggiotaggio, per cui, per scongiurare ogni rischio, ho chiesto al consiglio l'approvazione sia per vendere sia per comprare quote. Inoltre, nel caso della nomina della dottoressa Merlino non ci sarebbe conflitto di interessi perché ci sarà l'approvazione di un'assemblea: tutti i componenti della lista saranno approvati dall'assemblea di cui fanno parte anche i Comuni. Per quanto riguarda Amiu, vogliamo che diventi un'azienda che sta in piedi con le sue gambe, e per farlo dovrà lavorare con partner industriali (che non sono soci). Perché abbiamo scelto Merlino? Perchè la consideriamo una persona competente, sono orgoglioso delle scelte che ho fatto». 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La curiosità: perché a Genova ci sono tante finestre dipinte sui palazzi?

  • La curiosità: perché a Genova i numeri civici sono di due colori diversi?

  • Le migliori sagre dell'autunno 2019 a Genova e provincia: dove e quando

  • Allerta meteo, chiusura anticipata: le previsioni per i prossimi giorni

  • Piante di marijuana alte due metri, quarantenne nei guai

  • Incidente in porto, tre operai feriti

Torna su
GenovaToday è in caricamento