Ilva: approvato il decreto, anche Genova respira

Per il presidente della Regione Liguria Claudio Burlando dopo l'approvazione del decreto Ilva da parte del Senato «adesso c'é più tranquillità anche se rimane il problema di una domanda di mercato estremamente ridotta»

Genova - Per il presidente della Regione Liguria Claudio Burlando dopo l'approvazione del decreto Ilva da parte del Senato «adesso c'é più tranquillità anche se rimane il problema di una domanda di mercato estremamente ridotta».

«Genova respira un attimo - ha sottolineato Burlando a margine di una iniziativa della Procura Generale con la Regione -, si potrà continuare a produrre. Resta il problema del mercato debole ma dopo l'investimento fatto per sviluppare la catena del freddo la produzione potrà continuare».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Parlai forse per primo del decreto Ilva - ha aggiunto Burlando - era l'unico modo per tenere aperta la filiera dell'acciaio nel nostro paese. In questo modo i siti produttivi di Taranto, Genova, Novi e altri rimangono aperti. Nello stabilimento pugliese si deve avviare la riqualificazione ambientale necessaria a tenere insieme salute e lavoro» (Ansa).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco come fare domanda per i buoni spesa

  • Coronavirus: i casi positivi sono 2.758, oltre 1.300 i ricoverati

  • Coronavirus: oltre 2.400 casi in Liguria, aumentano i guariti

  • «Pizze gratis a chi non può comprarsi da mangiare», l'iniziativa solidale della pizzeria di Struppa

  • Buoni spesa, Bucci: «A partire da mercoledì si potranno richiedere»

  • Passeggiate con i bimbi, è polemica. Il post del medico fa il giro del web: «Ecco perché è meglio di no»

Torna su
GenovaToday è in caricamento