Doria sul Puc: serve 'ripensamento radicale progettualità cittadina'

Il candidato sindaco alle prossime elezioni amministrative di Genova ricorda la recente alluvione e ammonisce «Genova è permanentemente a rischio». Poi ripropone il concetto di piano 'regolatore'

Genova - «Parlare di ultima alluvione a Genova, ultima in ordine di tempo, significa che Genova è permanentemente a rischio. Occorre un ripensamento radicale della progettualità urbanistica a Genova». Lo ha detto il candidato sindaco del centrosinistra alle prossime comunali di Genova, Marco Doria, in un incontro pubblico di Italia Nostra.

«Il Puc non si chiama più piano regolatore - ha denunciato Doria - e questa è una scelta significativa che mette da parte una tradizione nobile di pensiero urbanistico in cui un soggetto pubblico si assumeva la responsabilità di porre delle regole per l'uso del territorio. Il termine 'regolatore' ha cominciato a rappresentare agli occhi di alcuni un qualcosa di negativo, non ai miei», ha ribadito Doria.

Potrebbe interessarti

  • La curiosa storia della scalinata "delle Caravelle"

  • Cos'hanno in comune il Matitone e il grattacielo più alto del mondo?

  • Cannelli di zolfo: un antico rimedio naturale "made in Liguria" contro il torcicollo

  • I genovesi sono davvero tirchi? Tre barzellette per scherzare su questa "leggenda metropolitana"

I più letti della settimana

  • Sequestrati i Bagni Liggia: il titolare promette battaglia

  • Sabato l'addio al giovane 'fighter' morto in A7

  • La curiosa storia della scalinata "delle Caravelle"

  • Bastonate al cane, smettono per le urla dei residenti

  • Pomeriggio a base di ketamina per due ventenni

  • Cos'hanno in comune il Matitone e il grattacielo più alto del mondo?

Torna su
GenovaToday è in caricamento