Doria sul Puc: serve 'ripensamento radicale progettualità cittadina'

Il candidato sindaco alle prossime elezioni amministrative di Genova ricorda la recente alluvione e ammonisce «Genova è permanentemente a rischio». Poi ripropone il concetto di piano 'regolatore'

Genova - «Parlare di ultima alluvione a Genova, ultima in ordine di tempo, significa che Genova è permanentemente a rischio. Occorre un ripensamento radicale della progettualità urbanistica a Genova». Lo ha detto il candidato sindaco del centrosinistra alle prossime comunali di Genova, Marco Doria, in un incontro pubblico di Italia Nostra.

«Il Puc non si chiama più piano regolatore - ha denunciato Doria - e questa è una scelta significativa che mette da parte una tradizione nobile di pensiero urbanistico in cui un soggetto pubblico si assumeva la responsabilità di porre delle regole per l'uso del territorio. Il termine 'regolatore' ha cominciato a rappresentare agli occhi di alcuni un qualcosa di negativo, non ai miei», ha ribadito Doria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rientra a casa tardi e litiga con la moglie, si scopre che era a spacciare

  • Temperature in picchiata, in Liguria arriva la prima neve

  • Sos freddo al parco canile Dogsville: come aiutare

  • Peggioramento in arrivo: l'allerta meteo diventa arancione

  • Boato nella notte, paura a Campomorone

  • Investita da uno scooter, è in fin di vita. Pd: «Strisce sbiadite»

Torna su
GenovaToday è in caricamento