Lavagna, dopo gli arresti e il commissariamento, il nuovo sindaco è Gian Alberto Mangiante

L'ex sindaco Sanguineti era stato arrestato a causa dei sospetti rapporti tra le istituzioni e la criminalità organizzata ('ndrangheta calabrese)

È Gian Alberto Mangiante il nuovo sindaco di Lavagna, Comune commissariato per mafia da quasi tre anni, e in dissesto economico. I cittadini - dopo l'arresto dell'allora primo cittadino Giuseppe Sanguineti e il commissariamento - hanno scelto di dare nuovamente fiducia al centrodestra.

Mangiante - alla guida della lista "Per Lavagna" - ha ottenuto il 27,02% dei voti, battendo non di molto gli avversari. Al secondo posto, con il 23,61% dei voti, Guido Stefani con "Officina Lavagnese", e poi Laura Corsi (22,55%) con "100% Lavagna", Daniele Di Martino del M5S con il 17,01% e Andrea Giorgi di "Lavagna che cambia" al 9,81%.

Sono stati tre anni di sconvolgimenti per Lavagna: l'ex sindaco Sanguineti era stato arrestato a causa dei sospetti rapporti tra le istituzioni e la criminalità organizzata ('ndrangheta calabrese). Dopo l'arresto, con sottoposizione agli arresti domiciliari e apposizione di braccialetto elettronico, l'allora sindaco era stato sospeso dalla Prefettura così come l'ex consigliere comunale con delega al Patrimonio e al Demanio, Massimo Talarico, anch'egli arrestato. Successivamente, la maggioranza aveva deciso di dimettersi in massa, destinando di fatto il consiglio comunale allo scioglimento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in centro storico, bimba di tre anni muore cadendo dalla finestra

  • Precipita da un viadotto sull'A26 per fare pipì, gravissimo in ospedale

  • Intossicazione da monossido, morte madre e figlia

  • Orche in porto, i timori di un gruppo di esperti: «Il piccolo sta morendo»

  • È morto Carlo Biondi, figlio di Alfredo

  • Orche "superstar", nuovo avvistamento in porto: «Spettacolo mozzafiato»

Torna su
GenovaToday è in caricamento