Acqua pubblica, gli attivisti a casa di Grillo per restituirgli la "stella dimenticata"

Appuntamento alle 10.30 nei pressi della chiesa per la simbolica protesta degli attivisti del forum nazionale e del coordinamento ligure dei movimenti per l’acqua

“Ohi ohi ho fatto una brutta caduta”, e ancora “sono una stella dimenticata dell’acqua pubblica”: come promesso, gli attivisti del forum nazionale e del coordinamento ligure dei movimenti per l’acqua si sono presentati sabato mattina sulle alture di Sant’Ilario, nei pressi della casa di Beppe Grillo, storico leader del Movimento 5 Stelle, per restituirgli quella stella ormai dimenticata che rappresenta, appunto, l’acqua pubblica.

«Il movimento ha dimenticato questo tema e ha lasciato la stella - è stato l’attacco del forum- la proposta di legge dell'acqua pubblica, presentata dopo l'esito del referendum del giugno 2011, giace dimenticata in qualche cassetto del Parlamento italiano. La ripubblicizzazione è solo questione di volontà politica e porterebbe a diversi benefici in termini di tariffe più eque ed effettiva realizzazione degli investimenti».

«In tutti questi anni, sono ormai passati due anni di governo, non ha posto la questione dell’acqua pubblica sul tavolo delle trattative - ha detto Roberto Melone del coordinamento ligure dei movimenti per l'acqua - La nostra legge oggi è in Commissione Ambiente sommersa da 250 emendamenti e da lì pare che non si muova. Ieri il forum a Roma ha fatto un volantinaggio davanti al sede del Partito Democratico, socio di maggioranza di questo governo, e oggi siamo qui a restituire la stella. Chiediamo l’approvazione immediata e senza travolgimento di una legge per cui abbiamo raccolto oltre 400mila firme nel 2007. Nel 2011 c’è stato anche un referendum, e i referendum vanno rispettati».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E così, in un assolato sabato mattina di fine febbraio, gli attivisti hanno risalito la collina con cartelli e striscioni, portando con loro una stella azzurra con un rubinetto al posto del naso e la lingua penzoloni a simulare la prematura dipartita, trasportata su una barella da due "medici" in camice: obiettivo, metterla nelle mani di Grillo nella speranza di riaccendere il fuoco pentastellato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Restate a casa»: nel giorno più nero per i decessi, il San Martino pubblica il 'meme' con le bare e scoppia la polemica

  • Coronavirus, ecco come fare domanda per i buoni spesa

  • Coronavirus, 2 milioni di mascherine. Toti: «Saranno distribuite gratis tramite edicole, farmacie e volontari»

  • Passeggiate con i bimbi, è polemica. Il post del medico fa il giro del web: «Ecco perché è meglio di no»

  • Coronavirus, lo studio: «Ecco quando dovrebbe azzerarsi il contagio»

  • Coronavirus e affitto: cosa succede per inquilino e proprietario

Torna su
GenovaToday è in caricamento