La Cisl ribatte le dichiarazioni di Rossana Dettori

Antonio Graniero segretario generale Cisl Genova, risponde a Rossana Dettori segretario nazionale della Funzione Pubblica

"Le dichiarazioni del segretario nazionale della Funzione Pubblica Rossana Dettori sono inaccettabili e attaccano il Comune di Genova offendendo Cgil, Cisl e Uil che a livello territoriale hanno sottoscritto con Tursi un accordo per assicurare il servizio alle famiglie che negli asini nido e nelle scuole dell'infanzia avevano già iscritto i propri bambini con disabilità.

E' la manovra economica che non ha permesso al Comune di Genova di fare 70 nuove assunzioni a tempo determinato. La Dettori dice falsità: nessun dipendente del Comune è stato licenziato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E' questa manovra confusa de Governo che non permette formule di assunzione per via del patto di stabilità:cosa che, ripeto, il Comune aveva programmato di fare con 70 assunzioni. Stante questo, si è concordato con le Confederazioni genovesi di Cgil, Cisl e Uil, con grande senso di responsabilità, diassicurare a genitori servizio richiesto affidandolo all'esterno,considerato che era l'unica soluzione possibile. forse la Dettori avrebbe voluto lasciare a casa i bimbi per fare caos sociale a Genova. Lo dico con dispiacere: questo non avrebbe risolto il problema, sarebbero rimasti a casa anche coloro che sono in graduatoria". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco come fare domanda per i buoni spesa

  • Coronavirus: i casi positivi sono 2.758, oltre 1.300 i ricoverati

  • «Pizze gratis a chi non può comprarsi da mangiare», l'iniziativa solidale della pizzeria di Struppa

  • Coronavirus: oltre 2.400 casi in Liguria, aumentano i guariti

  • Buoni spesa, Bucci: «A partire da mercoledì si potranno richiedere»

  • Passeggiate con i bimbi, è polemica. Il post del medico fa il giro del web: «Ecco perché è meglio di no»

Torna su
GenovaToday è in caricamento