Aumenti autostrade, Toti: «Assurdo, prima la ricostruzione del Morandi»

Il presidente della Regione: «Nell'incertezza più totale a pagare non possono essere sempre e solo gli italiani»

Rincari in arrivo per quello che riguarda i pedaggi autostradali, congelati a Capodanno dopo un accordo tra ministero delle Infrastrutture e gestori. I rincari sono previsti su diversi tratti autostradali, gestiti da altrettanti gestori. Quello più influente, per quanto riguarda la Liguria, è quello previsto da Autostrade per l’Italia, che a ottobre 2018 aveva annunciato un aumento dell’0,8%, a oggi quello di fatto più contenuto.

Autostrade, da luglio scattano i rincari per i pedaggi

Il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti si è schierato contro gli aumenti, spiegando: «È impensabile far scattare rincari sulle autostrade. Prima di parlare di tariffe il Governo discuta con le concessionarie, vari i nuovi piani di investimento per migliorare la rete, vari un piano di grandi opere. In particolare in Liguria parlare di rincari è addirittura assurdo finché non sarà terminata la ricostruzione del Ponte Morandi, fino a quando il Ministero dei Trasporti non avrà dato il via libera alla Gronda e alle altre opere che aspettiamo da anni, come il nuovo casello per il porto di Vado Ligure. Nell’incertezza più totale a pagare non possono essere sempre e solo gli italiani».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sampierdarena, dà in escandescenze per la strada e ferisce 3 poliziotti

  • Allerta meteo rossa tra domenica sera e lunedì: scuole chiuse, le previsioni del tempo

  • Allerta rossa, Limet: «È come se la Liguria fosse sommersa di benzina. Finchè qualcuno non spara il colpo»

  • Meteo: fine settimana di maltempo, allerta su tutta la Liguria

  • Maltempo, breve tregua prima della nuova "ondata": ecco cosa aspettarsi

  • Ferrari si schianta in autostrada, ferito il guidatore

Torna su
GenovaToday è in caricamento