La Commenda di Pré: storia e curiosità

Storia e curiosità sulla Commenda di San Giovanni di Pré, uno dei simboli del centro storico genovese

Uno dei simboli del centro storico genovese è sicuramente la Commenda di San Giovanni di Pré.

"Pré", "prati" in dialetto, perché 1000 anni fa in questa zona addossata alle mura si poteva trovare un borgo agricolo.

La struttura nasce come convento e ospedale/ostello nel 1180 per volontà dei Cavalieri Gerosolomitani per ospitare i cavalieri, i pellegrini e i mercanti diretti in Terrasanta, all’epoca teatro della III Crociata.

Ampliato e rimaneggiato nelle forme e nelle decorazione nel corso dei secoli successivi, il complesso subì a lungo il degrado e solo recentemente fu completamente restaurato e riportato all’antico splendore.

L’edificio è suddiviso in tre livelli: al piano terreno un'unica grande sala con alte colonne in pietra, destinata ad ospitare i letti, che venivano addossati alle pareti, ove sono ancora visibili alcuni ripiani sui quali i pellegrini posavano i loro averi; altri ripiani dotati di un foro per lo scarico dell’acqua, venivano utilizzati come lavabi. Il primo piano, con soffitto ligneo, metteva in comunicazione con la chiesa al piano superiore. Il terzo piano, probabilmente riservato ai religiosi, presenta ancora oggi alcune sale affrescate .

La particolarità di questo complesso è data dalle due chiese sovrapposte: in quella inferiore a tre navate si radunavano i pellegrini, in quella superiore invece, anch’essa a tre navate, ma con una navata centrale particolarmente ampia, alla quale si poteva accedere solo attraverso l’ospedale (l’accesso attuale attraverso l’abside risale al XVIII sec.), l’accesso era consentito solo ai cavalieri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oggi ospita il Museoteatro della Commenda di Prè.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la curva rallenta, ma i contagiati sono oltre 2.000 e i morti 254

  • Basilico in esubero per chiusura ristoranti, le aziende agricole organizzano la consegna a domicilio

  • Coronavirus, i numeri tornano a crescere in Liguria: 2.226 i positivi, 26 nuovi decessi

  • Coronavirus: lieve calo dei nuovi casi dopo tre giornate nere, i morti sono 231

  • Coronavirus, la foto della speranza: intubata per 7 giorni, 27enne migliora e si risveglia

  • Coronavirus, ecco il nuovo modulo di auto-certificazione per gli spostamenti

Torna su
GenovaToday è in caricamento