Car Sharing zero emissioni: in servizio in città 10 nuove auto elettriche

Le auto, fornite da Nissan, sono state svelate in mattinata in piazza De Ferrari e si aggiungono a una flotta di 70 auto divise in 49 aree di sosta

Entreranno in servizio entro la fine di maggio le nuove auto elettriche acquistate per potenziare Genova Car Sharing, il servizio che offre auto in condivisione sul territorio comunale.

Si tratta di 10 veicoli a emissioni zero forniti da Nissan che sono stati presentati in mattinata in piazza De Ferrari alla presenza del vice sindaco e assessore alla Mobilità, Stefano Balleari, e del direttore di Genova Car Sharing, Marco Silvestri. Le auto saranno a disposizione negli stalli serviti dalle colonnine di ricarica Enel, a oggi attive da levante a ponente.

Il Comune ha reso noto che il servizio si estenderà ad altri quartieri e aree urbane, come Molassana e la Fascia di rispetto di Pra’, inizialmente con l’obbligo di riportare l’auto nel parcheggio di partenza, in seguito anche in modalità “solo andata” (one way). Chi partirà dal centro diretto verso l’altro capo della città, insomma, una volta arrivato dovrà preoccuparsi soltanto di lasciare l’auto in un parcheggio Car Sharing.

Il servizio è attivo dal 2004, con il marchio GirAci dal novembre 2016, ed è gestito da Genova Car Sharing Srl, società controllata da Aci Global Servizi Spa del Gruppo dell’Automobile Club d’Italia. Le auto disponibili a oggi sono 70, “spalmate” su 49 aree di sosta, e gli abbonati nel 2018 erano 3.212, in crescita dell’8% rispetto al 2017. Su Genova, sempre nel 2018, si sono registrate 14.218 corse (+ 9% rispetto all’anno precedente), per un totale di oltre 869mila km percorsi e 120.653 ore di noleggio annue.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorbillo apre a Genova: «Pizza gratis per tutti»

  • Scopre la morte della madre e si uccide gettandosi dal Monoblocco

  • Ucciso il cinghiale "educato" che attraversava sulle strisce guidato dal vigile

  • Dal cibo all'allontanamento forzato: ecco perché non si possono aiutare le orche in porto

  • Orche in porto, interviene il Ministero: «Probabilmente sono malate»

  • Alimenti scaduti nel frigo del supermercato, multa da diecimila euro

Torna su
GenovaToday è in caricamento