"Ponte e cultura": i giovani del Coro Saint Michel di Friburgo al liceo d'Oria tra entusiasmo e solidarietà

Il primo concerto, aperto alla cittadinanza (ad offerta libera), si terrà venerdì 10 maggio alle ore 17.30 nell'Aula Magna del liceo D'Oria

Sono giovanissimi provenienti dalla Svizzera che - colpiti dall'enormità della tragedia del ponte Morandi - hanno deciso di offrire la loro musica per cercare di lenire le ferite di Genova, mettendo in piedi un programma di concerti solidali e cercandosi sponsor privati per pagarsi le spese del viaggio.

Gli incassi alle famiglie delle vittime del ponte

Sono i ragazzi del prestigioso Coro Saint Michel di Friburgo, giovani artisti tra i 15 e i 25 anni, che hanno pensato a un progetto solidale, "Ponte e cultura": i musicisti si esibiranno rinunciando ogni compenso e devolvendo gli incassi alle famiglie delle vittime del ponte Morandi. I loro concerti si terranno presso il liceo D'Oria e la Chiesa del Gesù.

I ragazzi del D'Oria hanno risposto con altrettanto entusiasmo: alcuni studenti del quarto e quinto anno li accompagneranno in un tour di Genova sabato mattina, alla scoperta delle bellezze culturali della città.

Al liceo D'Oria il primo concerto

Il primo concerto, aperto alla cittadinanza - a offerta libera - si terrà venerdì 10 maggio alle ore 17,30 nell'aula magna del liceo D'Oria.

Il secondo appuntamento si terrà sabato 11 maggio alle 21, presso la Chiesa del Gesù.

Il programma

Il programma comprende testi tratti dal repertorio sacro italiano (Monteverdi, Scarlatti, Lotti) e svizzero (Bovet, Charriere, Kaelin, Villard, Volery), ma anche tedesco (Rheinberger) e inglese (Woolf). La durata prevista è di circa un'ora.

In allegato il volantino dell'iniziativa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuole superiori: le migliori di Genova secondo la Fondazione Agnelli

  • Lavoro e formazione, al via Orientamenti al Porto Antico. Al Career Day 3.700 posti in ballo

  • Boom di lauree online in Italia: vantaggi e facoltà più scelte

Torna su
GenovaToday è in caricamento