Nanni Valentini: l’interspazio tra il visibile e il tattile

ABC-ARTE dedica un’ampia retrospettiva all’opera plastica di Nanni Valentini (1932-1985), una delle personalità più singolari e vivide della ricerca artistica del secondo dopoguerra. Il titolo, “L’interspazio tra il visibile e il tattile”, è tratto da un testo dell’artista pubblicato nel 1975.

Sarà ricostruito in particolare il decennio cruciale, 1975-1985, in cui Valentini, dopo un lungo periodo in cui viene riconosciuto come uno dei massimi scultori in ceramica viventi – a fine anni Cinquanta collabora tra l’altro con Lucio Fontana nella monumentale Tomba Melandri a Faenza, vince il Premio Faenza nel 1956, 1961 e 1977 e il premio del Syracuse Museum of Fine Arts nel 1958 – frequentando un’ampia e vivida cerchia intellettuale, da Tancredi a Scanavino, da Arnaldo e Gio’ Pomodoro a Sottsass, nel 1976 si afferma sulla scena milanese con una personale memorabile di opere pittoriche e sculture alla Galleria Milano di Carla Pellegrini.

Da subito il suo approccio alla materia, al colore, alla figura ne fa un unicum nel dibattito contemporaneo, in cui un atteggiamento colto e sapienziale si incrocia con la potenza asciutta di visioni plastiche che non hanno confronti tra i contemporanei.

Nei primi anni Ottanta ha una serie di personali in gallerie primarie, Babel a Heilbronn nel 1981, Vera Biondi a Firenze e Galerie -e di Monaco nel 1982: nello stesso anno ha una sala personale alla Biennale di Venezia ed è in “La sovrana inattualità” al Museum des XX. Jahrhunderts di Vienna. Nel 1984 ha una vasta personale al Padiglione d’arte contemporanea di Milano (il suo Cratere entra nelle collezioni permanenti del Civico Museo d’Arte Contemporanea di Milano al Palazzo Reale), poi espone al Museu de Ceràmica di Barcellona e ancora alla Galerie -e di Monaco; l’anno dopo è alla San Luca di Bologna, ma il 5 dicembre 1985 muore improvvisamente.

La mostra, patrocinata dal Comune di Genova, presenta circa trenta opere che ne documentano l’intensa e ramificata stagione matura, in cui fanno spicco le sculture, alcune di grandi dimensioni (come Muro grande del vaso e il polipo e Cerchio), e vere e proprie rarità, tra cui alcune vaste opere su carta inedite e una serie di garze, esercizi intorno alla fisicizzazione della monocromia, del 1975-1976.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • “Il contagio dell’arte”, mostra virtuale della galleria genovese Divulgarti

    • Gratis
    • dal 11 aprile al 31 luglio 2020
    • Divulgarti
  • Riapertura speciale di Palazzo Nicolosio Lomellino

    • dal 30 maggio al 2 giugno 2020
    • Palazzo Nicolosio Lomellino
  • "Tutto ciò attraverso il tempo": la prima mostra personale online di Carmelo Santoro

    • Gratis
    • dal 30 maggio al 6 giugno 2020
    • Facebook

I più visti

  • Ripartono le escursioni alla scoperta dei cavalli in libertà del Parco dell'Aveto

    • dal 31 maggio al 27 dicembre 2020
  • “Il contagio dell’arte”, mostra virtuale della galleria genovese Divulgarti

    • Gratis
    • dal 11 aprile al 31 luglio 2020
    • Divulgarti
  • Forest Bathing (con le misure di sicurezza) nella foresta del Monte Penna

    • solo oggi
    • 31 maggio 2020
    • Ritrovo al Rifugio Casermette del Monte Penna
  • Edoardo Sanguineti 2010-2020: a 10 anni dalla morte le iniziative online per ricordarlo

    • Gratis
    • dal 8 maggio al 10 giugno 2020
    • Internet
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    GenovaToday è in caricamento