"Edo Timeless": le fotografie del Giappone ieri e oggi al museo Chiossone

Dal 15 settembre 2016 al 19 marzo 2017 Genova ospiterà la mostra Edo Timeless allestita nel museo di Arte Orientale Edoardo Chiossone di Villetta Di Negro in piazzale Mazzini 4.

L’esposizione comprende 40 fotografie scattate da Mino Di Vita nel Giappone d’oggi, poste a confronto con 20 riproduzioni di foto all’albumina del giapponese Kusakabe Kinbei (1841-1934) risalenti agli ultimi anni del periodo Edo (1603-1867) e ai primi del periodo Meiji (1868-1912). Le albumine giapponesi originali appartengono alla Fondazione Malerba di Milano, che ne ha concesso la riproduzione in questa particolare circostanza.

L’arte della fotografia arriva in Giappone tramite gli Olandesi alla fine del periodo Edo, dove tra il 1860 ed il 1890 operano fotografi occidentali come l’italiano Felice Beato (1832-1909) e l’austriaco Raimund Von Stillfried (1839-1911), che istruiscono svariati fotografi giapponesi tra cui Kusakabe Kinbei. All’epoca era utilizzata una tecnica di stampa inventata nel 1850, nella quale l’albume d’uovo funge da legante e fissa gli agenti chimici alla carta di stampa.

Realizzate in bianco e nero, le foto all’albumina erano minuziosamente colorate manualmente ad acquerello, con evidenti reminiscenze dei toni di coloranti e pigmenti impiegati nelle stampe policrome Ukiyo-e. Oltre ai paesaggi e alle vedute dei luoghi celebri del Giappone (meisho), il repertorio dell’epoca comprende soggetti definiti da Felice Beato native types – cioè gli abitanti dell’arcipelago nipponico, sovente ritratti in studio e più raramente nei loro ambienti abituali e caratteristici, mentre svolgono mestieri e attività quotidiane individuali o di gruppo.

Le fotografie di Mino Di Vita scelte per questa rassegna riguardano due grandi città giapponesi, Edo e Ōsaka. Fondata nel 1603 dal primo shōgun della dinastia Tokugawa e divenuta nel secolo XVIII la più grande metropoli del mondo, Edo fu rinominata Tōkyō e designata nuova capitale del Giappone nel periodo Meiji (1868-1912). Ōsaka, antica e popolosa città del Kansai e da sempre protagonista dell’economia reale del paese, è comunemente chiamata ‘la cucina della nazione’.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Mostra di Banksy a Genova: "War, Capitalism & Liberty"

    • dal 22 novembre 2019 al 20 marzo 2020
    • Palazzo Ducale
  • Domenica i genovesi entrano gratis nei Musei della città

    • Gratis
    • dal 10 giugno 2018 al 29 dicembre 2019
  • Cinepassioni, storie di immagini e collezionismo alla Loggia della Mercanzia

    • dal 13 aprile 2017 al 31 gennaio 2020
    • Loggia della Mercanzia

I più visti

  • Natalidea si trasferisce al Porto Antico e diventa un mercatino con le tipiche casette

    • Gratis
    • dal 7 al 22 dicembre 2019
    • Porto Antico
  • Mostra di Banksy a Genova: "War, Capitalism & Liberty"

    • dal 22 novembre 2019 al 20 marzo 2020
    • Palazzo Ducale
  • Domenica i genovesi entrano gratis nei Musei della città

    • Gratis
    • dal 10 giugno 2018 al 29 dicembre 2019
  • Cinepassioni, storie di immagini e collezionismo alla Loggia della Mercanzia

    • dal 13 aprile 2017 al 31 gennaio 2020
    • Loggia della Mercanzia
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    GenovaToday è in caricamento