"I Miserabili" di Victor Hugo al Teatro della Corte

Un miserabile che vive ai margini della società non è quasi più un uomo. E il nostro presente è pieno di uomini così: i nuovi poveri.

I miserabili, nell’adattamento di Luca Doninelli, con la regia di Franco Però e Franco Branciaroli nel ruolo di Jean Valjean (in scena al Teatro della Corte dal 5 al 10 febbraio 2019), è un progetto imponente affrontato con emozione e slancio. Si trema davanti a quelle «millecinquecento pagine – ha sottolineato Doninelli – che appartengono non solo alla storia della letteratura, ma del genere umano». Perché il capolavoro di Victor Hugo è capace di parlare a ogni epoca, come se ne fosse espressione diretta. I miserabili rappresentano l’umano nella sua nudità: spogliato non solo dei suoi beni terreni, ma anche dei suoi valori, da quelli etici fino alla pura e semplice dignità che ci è data dall’essere uomini.

Commenta Franco Però: «Assistiamo all’ampliarsi della forbice fra i ricchi e i poveri, fra chi è inserito nella società e chi ne è ai margini. Ogni capitolo del romanzo – continua Però – meriterebbe uno spettacolo a sé. Non potendo fare questo, abbiamo pensato a un lavoro che possa contenere in qualche modo anche ciò che non si riesce a raccontare. I miserabili è un fiume in piena di cui noi restituiamo un’onda o poco più: ma la narrativa sulla scena è un medium che attrae, trattando argomenti dal valore universale».

In questa impresa c’è un personaggio “monstre” che necessita di un attore altrettanto “monstre”: è dunque Franco Branciaroli a vestire i panni di Jean Valjean. Con lui e con un cast d’interpreti impegnati in più ruoli vive la grande epopea ottocentesca. «Questo capolavoro – dice ancora Doninelli – è anche una metafora del Teatro, e quindi l’attore, rappresentandolo, rappresenta sé stesso e la propria arte».

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

I più visti

  • Ripartono le escursioni alla scoperta dei cavalli in libertà del Parco dell'Aveto

    • dal 31 maggio al 27 dicembre 2020
  • “Il contagio dell’arte”, mostra virtuale della galleria genovese Divulgarti

    • Gratis
    • dal 11 aprile al 31 luglio 2020
    • Divulgarti
  • Forest Bathing al lago di Giacopiane

    • 6 giugno 2020
    • Lago di Giacopiane
  • Levante a Genova: dal Festival di Sanremo al Goa-Boa Festival 2020

    • 2 luglio 2020
    • Porto Antico
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    GenovaToday è in caricamento