Perché Voltri e Mele sono i territori delle antiche cartiere?

In passato c'erano più di 50 cartiere funzionanti grazie ai numerosi corsi d'acqua

Come forse tutti i genovesi sanno, l'estremo ponente della città, ovvero Voltri, e anche il paese di Mele, sono famosi per ospitare molte antiche cartiere (più di 50) che in passato erano molto conosciute a livello addirittura europeo. Tanto che in quella zona si trova anche il Museo della Carta, sede di tante iniziative per tramandare l'arte di fabbricare e riciclare la carta.

Ma perché proprio in quell'area sorsero così tante cartiere? La risposta è semplice: come sempre, bisogna guardare alla conformazione del territorio. 

Voltri e le sue alture possono contare infatti su tanti torrenti (Leira, Cerusa, Gorsexio, Acquasanta, Ceresolo), e come è risaputo per produrre la carta serve acqua, tanta acqua. Senza contare che, per i motori idraulici, stare vicino a un corso d'acqua che viene giù dalle montagne era l'ideale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Olga, dall'Uzbekistan a Genova per aprire la prima "sfuseria" dei vicoli

  • Due trattorie di Genova tra le migliori in Italia, secondo la classifica di "Repubblica Sapori"

  • Nuovo ponte: ecco come verrà sollevata la maxi campata

  • Tragedia in via Piacenza: uccide la moglie e si getta dal balcone

  • Nuovo ponte: maxi trave è troppo lunga, il varo slitta per "limarla"

  • Evasore totale affitta villa extra-lusso su Airbnb, scatta il sequestro

Torna su
GenovaToday è in caricamento