Lo sciroppo di rose della Valle Scrivia protagonista in tv

Domenica 8 ottobre una puntata di Melaverde con Edoardo Raspelli sarà dedicata a un'eccellenza del nostro territorio

Foto di Elena Tiraboschi

Valle Scrivia protagonista in televisione grazie a Melaverde, storica trasmissione Mediaset con Edoardo Raspelli che porta il pubblico alla scoperta delle tradizioni e delle eccellenze enogastronomiche di tutta Italia. Domenica 8 ottobre su Canale 5 toccherà alle rose della Valle Scrivia, utilizzate per creare il mitico sciroppo, ma non solo. 

Valle Scrivia protagonista su Canale 5

La puntata andrà in onda domenica 8 ottobre alle ore 11, ma nella prima parte si parlerà del miele di Fossano in provincia di Cuneo, poi nella seconda dalle ore 11.50 toccherà alla nostra Liguria con l'istrionico Edoardo Raspelli che ci porterà a scoprire la tradizione secolare della rosa da sciroppo che un tempo aveva un utilizzo ben diverso, casalingo, legato alle sue proprietà uniche che portavano le famiglie contadine a farne sciroppo, confetture, fino ai più esperti erboristi che preparavano pozioni con proprietà curative. Durante la puntata saranno presentati  diversi coltivatori che si sono uniti in un'associazione con lo scopo di dare nuova luce a questa tradizione, tornando a coltivare le rose in piccoli roseti lungo la Valle Scrivia, alle porte di Genova e lavorando in piccoli laboratori attrezzati i petali in prodotti particolari realizzati con ricette d'altri tempi.

Potrebbe interessarti

  • La leggenda dell'isola di Bergeggi

  • Perché San Giovanni Battista è il patrono di Genova?

  • Ristoranti, vita notturna e shopping: così il Guardian promuove Genova

  • La leggenda del ponte dei suicidi a Carignano

I più letti della settimana

  • Alla Fiumara apre un nuovo negozio

  • Cibo mal conservato, chiuso ristorante

  • Accoltella un uomo alla gola, fermato da poliziotta "cintura nera"

  • Resta bloccata in un parcheggio e sfonda il cancello con l'auto

  • La leggenda dell'isola di Bergeggi

  • Perché San Giovanni Battista è il patrono di Genova?

Torna su
GenovaToday è in caricamento