Da dove arriva la parola "refioso"?

Un classico modo genovese per indicare una persona scostante e antipatica

Antipatico, scostante, in poche parole: refioso. Quante volte - da bravi genovesi - abbiamo sentito o pronunciato questa parola?

Si tratta di un appellativo tipico genovese che in genere viene attribuito a chi non si mostra molto amichevole nei confronti del prossimo. Ma da dove deriva questa parola?

L'origine è da cercare nel verbo "refuà", sempre in dialetto genovese, che significa "rifiutare". D'altra parte, refioso è proprio colui che - con il suo atteggiamento scostante - rifiuta l'amicizia del prossimo.

Potrebbe interessarti

  • Cos'hanno in comune il Matitone e il grattacielo più alto del mondo?

  • Cannelli di zolfo: un antico rimedio naturale "made in Liguria" contro il torcicollo

  • I genovesi sono davvero tirchi? Tre barzellette per scherzare su questa "leggenda metropolitana"

  • Dialetto curioso: cos'è la "ca do diao"? E la "ca da pèsta"?

I più letti della settimana

  • Tragedia a Sampierdarena, 19enne muore cadendo nella tromba delle scale

  • Cade dalla finestra e precipita su nonna e nipote: tragedia a Castelletto

  • Schianto in A7: muore 19enne, gravissimi due amici

  • In Lungomare Canepa apre "Belin", il bar "autogrill" tutto genovese

  • Tragedia sul Monte Bianco: muore vigile del fuoco genovese, gravissimo collega

  • Spaccia in centro storico, Cassazione annulla arresto: «Vicoli hanno aiutato la polizia»

Torna su
GenovaToday è in caricamento