Il fantasma dell'assassino di Forte Sperone

La leggenda narra di un uomo che violentò e uccise una pastorella: una volta morto, il suo spirito continuò a vagare

Fantasmi a Forte Sperone? Ebbene sì, a Genova una delle tante leggende che parlano di spettri vuole che anche questa fortezza sia infestata.

La storia è ambientata nel '600, ed è molto violenta: parla di un uomo grande e grosso, accompagnato da un grosso cane nero, che un giorno, vedendo una graziosa pastorella sul monte Peralto, riuscì ad attirarla in un luogo isolato e lì la violentò e la uccise mordendole la gola come una bestia degli inferi. Poco dopo, il corpo della ragazza venne ritrovato orribilmente squartato.

Passarono i secoli, e pare che il fantasma dello stupratore sia comparso a Forte Sperone all'inizio del '900, durante una seduta spiritica. In questa occasione lo spettro confessò i suoi crimini ai presenti, dicendo di essere tormentato a sua volta dai fantasmi del suo stesso cane e della ragazza uccisa, con il vestito insanguinato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorbillo apre a Genova: «Pizza gratis per tutti»

  • Scopre la morte della madre e si uccide gettandosi dal Monoblocco

  • Ucciso il cinghiale "educato" che attraversava sulle strisce guidato dal vigile

  • Dal cibo all'allontanamento forzato: ecco perché non si possono aiutare le orche in porto

  • Orche in porto, interviene il Ministero: «Probabilmente sono malate»

  • Molesta i clienti del ristorante e morde i carabinieri, ricoverata in tso

Torna su
GenovaToday è in caricamento