Quando Fabrizio De Andrè disse: «Genova per me è una madre»

«Mi ha partorito e allevato fino al compimento del trentacinquesimo anno di età: e non è poco, anzi, forse è quasi tutto»

Chi impara ad amare Genova, chi apprende a conoscerne i caruggi, i volti dei pescatori, delle "graziose" di via del Campo, dei "tipi strani" del centro storico, i capricci del mare e la bellezza delle montagne, non può - una volta andato via - non sentirne la mancanza.

E proprio di questo ha parlato, nel corso della sua vita, il celebre cantautore genovese Fabrizio De Andrè, che ha sempre descritto la sua città con amore, come un'insegnante da cui si impara a vivere, anzi, come una vera e propria madre.

«Genova per me - disse - è come una madre. È dove ho imparato a vivere. Mi ha partorito e allevato fino al compimento del trentacinquesimo anno di età: e non è poco, anzi, forse è quasi tutto. Oggi a me pare che Genova abbia la faccia di tutti i poveri diavoli che ho conosciuto nei suo carruggi, gli esclusi che avrei poi ritrovato in Sardegna, le "graziose" di via del Campo».

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Meteo, in arrivo vento di burrasca e calo delle temperature

  • Cronaca

    Acqua: riparazione tubazione corso Europa, possibili disagi da Sturla a Sori

  • Economia

    Il Comune assume: oltre 700 nuovi posti entro il 2021

  • Cronaca

    Circo alla Foce, primo weekend di presidio per gli animalisti

I più letti della settimana

  • Mortale in via Bobbio, un video incastra l'automobilista che ammette: «Sono passato col rosso»

  • Grossi quantitativi di droga e armi, arrestato allenatore di calcio

  • Panico in centro, minaccia di gettarsi da ponte Monumentale

  • Ventuno euro per fare da San Martino a Quarto in taxi, indaga la polizia

  • Nascondeva cocaina in trattoria, arrestato noto ristoratore di Sampierdarena

  • Travolge una moto durante un sorpasso, caccia allo scooterista pirata

Torna su
GenovaToday è in caricamento